Ventimiglia, inaugurato il ponte di Bevera. Atteso sei anni collega il centro a cinque vallate fotogallery

L'endorsement di Scullino a Toti per le regionali: «Sicuramente io l'appoggio»

Ventimiglia. E’ stato inaugurato stasera il ponte di Bevera, ricostruito dopo l’alluvione dell’autunno 2014 quando a causa delle forti piogge e dell’esondazione dell’omonimo torrente era stato gravemente danneggiato e poi demolito. Al taglio del nastro hanno partecipato le massime autorità civili e militari cittadine e la giunta della Regione Liguria che ha finanziato l’opera con 2milioni e 200mila euro, mentre il Comune ha partecipato con 900mila euro.

inaugurazione ponte bevera

«Siamo sei a uno con Ioculano – ha detto scherzosamente il sindaco Gaetano Scullino, parlando del taglio del nastro per il ponte, il cui iter è iniziato con la precedente amministrazione -. Con Ioculano abbiamo un rapporto di confidenza e sicuramente non se la prenderà. Il ponte è un’opera importantissima, perché finalmente collega con tranquillità e sicurezza sei frazioni e due località: sono migliaia di persone che erano costrette ad attraversare il guado del fiume per andare a casa, per non parlare delle aziende che erano in grosse difficoltà. Ciò che è strano è che ci sono voluti sei anni per realizzare questo ponte e poi per costruirlo in modo concreto in effetti solo un anno. Quando siamo arrivati devo dire, con molta correttezza, che la pratica era bloccata, perché c’erano dei contenziosi con gli espropri e siamo risusciti a sbloccarla, grazie all’impresa Cogefar e ai progettisti».

«Si concretizza oggi un lavoro partito da lontano – ha detto l’assessore all’Urbanistica Marco Scajola -. Questo ponte tanto atteso dai ventimigliesi finalmente c’è ed è un bellissimo ponte. L’amministrazione Scullino ha saputo ben spendere il finanziamento importante stanziato da Regione Liguria, più di 2 milioni di euro, uno sforzo importante che abbiamo fatto per dare una mano a un territorio importante, che è quello di Ventimiglia, che meritava anche dignità, perché quel ponte crollato era proprio un’offesa a tutti i cittadini».

Sempre il sindaco, parlando delle prossime regionali, ha dichiarato il suo appoggio alla coalizione guidata dall’attuale governatore Giovanni Toti: «Sicuramente Toti io l’appoggio, e farò in modo che anche i miei amici appoggino Giovani Toti. E sapete perché? Non perché ci unisce la vena e l’idea politica, anche perché devo dire che in questi cinque anni c’è stato davvero un grande impegno da parte sua e della sua Giunta. Merita di essere rivotato e che diventi il presidente della Liguria».

Il presidente di Regione Liguria, oltre a parlare del ponte di Bevera come opera strategica per Ventimiglia, ha annunciato il finanziamento di oltre 6 milioni e 400mila euro dal Fondo Strategico stanziato da Regione Liguria per il Comune di Ventimiglia per la realizzazione di tre parcheggi pubblici in diverse aree ferroviarie in prossimità della stazione, dismesse da Ferrovie dello Stato e cedute all’Amministrazione nell’ambito dell’Accordo di programma per la riconversione del parco ferroviario del fiume Roja. Gli interventi saranno realizzati entro il 2022, con un cofinanziamento da parte del Comune di circa 340mila euro.

«Anche questi interventi – spiega Giovanni Toti – si inseriscono in uno stanziamento complessivo su tutto il territorio ligure di quasi 16 milioni di euro dal Fondo Strategico, per consentire la realizzazione di interventi attesi da tempo dalla cittadinanza e dagli amministratori locali. Per Ventimiglia la realizzazione di questi parcheggi pubblici significa la riqualificazione di zone di sedime ferroviario abbandonate, che vengono recuperate e convertite per essere al servizio di cittadini e turisti. Abbiamo voluto dare una risposta rapida alle richieste del sindaco Scullino, con un segnale rapido dell’intesa e della programmazione condivisa con l’Amministrazione. Proprio oggi abbiamo deciso di finanziare questi interventi, che si inseriscono in un piano di riqualificazione urbana di questo territorio che merita di essere sostenuto: sono risorse immediatamente disponibili e che saranno cadenzate secondo il piano di lavori previsto. Siamo convinti che Ventimiglia da sonnecchiosa città del ponente ligure sia diventata uno dei fulcri del rilancio della Liguria, un asset strategico per lo sviluppo del ponente e spero che avremo modo di collaborare ancora nei prossimi anni».

In particolare, un parcheggio pubblico verrà realizzato già nel 2020 in zona San Secondo, a monte del sedime ferroviario su un’area di circa 4700 mq. La zona è una porzione di area ferroviaria dismessa in una posizione strategica, in quanto collegata direttamente con la stazione tramite un sottopasso ferroviario che consentirà ai fruitori del parcheggio, raggiungibile da via San Secondo attraverso una rampa già esistente, di accedere facilmente al centro cittadino. Tutta l’area sarà adibita a parcheggio ad uso pubblico: saranno disponibili 83 posti auto di cui 2 destinati ai disabili. Sarà realizzata anche una rete di smaltimento delle acque meteoriche e un impianto di illuminazione che verrà collegato alla rete di illuminazione pubblica stradale comunale.
L’altra area ferroviaria dismessa che sarà trasformata in parcheggio pubblico è quella limitrofa a via San Secondo e all’omonimo sottopasso ferroviario, a lato dei binari e comunicante direttamente con la stazione. Attualmente si presenta come un grande piazzale dove è presente un fabbricato che in passato era adibito al rimessaggio delle locomotive. Il progetto prevede la demolizione del fabbricato esistente, o la sua riqualificazione in base agli approfondimenti della Soprintendenza, e la sistemazione dell’intera area, per adibirla a parcheggio pubblico a raso con adiacenti spazi verdi e con accesso da via San Secondo, in prossimità del sottopassaggio ferroviario. È previsto anche un collegamento pedonale diretto con la stazione ferroviaria, che consentirà ai fruitori di raggiungere il centro cittadino in pochi minuti. L’area interessata dalla realizzazione del parcheggio ad uso pubblico ha una superficie di circa 5700 mq: l’intervento porterà alla realizzazione di 121 posti auto di cui 3 destinati ad utenti disabili.

Il terzo parcheggio ad uso pubblico sarà realizzato a raso, nell’area ferroviaria dismessa limitrofa a Corso Genova e con accesso anche da via Scalo Merci. Attualmente si presenta come un grande piazzale dove sono ancora presenti i binari dismessi e sul quale insistono alcuni manufatti da riqualificare. L’area ha una superficie di circa 27mila mq: l’intervento porterà alla realizzazione di 850 posti auto di cui 17 destinati ad utenti disabili.

«Si parla di finanziamenti regionali che metteranno in condizioni ventimiglia di cambiare passo – ha sottolineato il sindaco Scullino -. Il porto a breve sarà ultimato, così come l’ascensore e tutto quello che è il rifacimento della passeggiata Marconi, di piazza Costituente, ma siamo rimasti indietro con parcheggi e viabilità, oltre altre opere che sono in calendario e a breve prenderanno il via, come i marciapiedi le zone pedonali e vorremmo trovare spazio e ci interfacciamo con direzione dell’asl per palazzo della salute. La giunta regionale ha assegnato alla città di ventimiglia circa 2,2 milioni per la costruzione del ponte di Bevera. Quando siamo arrivati c’erano dei problemi. Noi siamo riusciti a sbloccarlo e in un anno è realtà. Con queste possibilità finanziarie potremo affrontare i prossimi quattro anni di amministrazione scadenzando quelle che sono le entrate e potremo completare almeno il 90 per cento il nostro programma elettorale che è già in fase molto avanzata, nonostante i quattro mesi in cui ci siamo dovuti fermare».