Riviera24.it - Notizie in tempo reale, news a Imperia e Sanremo di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Consiglio comunale di Imperia, Casano: “Ritengo inaccettabile e gravissimo questo modo di condurre i lavori”

Considerazioni dure e critiche sul consiglio comunale di ieri sera

Imperia. Alessandro Casano di Fratelli d’ Italia – Alleanza Nazionale si esprime riguardo al consiglio comunale di Imperia svoltosi ieri sera: “Alla luce dei fatti del consiglio comunale di ieri è impossibile non stigmatizzare il comportamento inaccettabile della compagine politica di matrice PD che amministra questa Città.

In questi tre anni di amministrazione ci siamo abituati a vedere un po’ di tutto ma ieri sera la mancanza di rispetto per i passaggi istituzionali e l’arroganza di questa amministrazione sembrano aver passato veramente il segno. Decidono con prepotenza e a colpi di maggioranza, attentamente calcolata nelle conferenze capigruppo, le date, gli ordini del giorno, gli orari di ogni consiglio comunale e delle commissioni calpestando qualunque forma di rispetto reciproco e di democrazia solo sulla base dei loro delicatissimi equilibri interni.

Poi non hanno i numeri per portare avanti le pratiche in commissione o in consiglio comunale e si lasciano andare a tentativi maldestri di far passare pratiche illegittime e non correttamente istruite sotto il naso dei consiglieri comunali. La pratica di ieri sul depuratore era stata ritirata in commissione, dove la maggioranza non era neppure in grado di sostenere il numero legale, perché mancava il parere vincolante del ragioniere capo.

E’ inaccettabile e gravissimo che questa pratica sia “spuntata” poi in consiglio comunale come se niente fosse. Tant’è vero che dopo che la minoranza ha abbandonato l’aula, anche ai consiglieri di maggioranza è venuto il dubbio che stessero facendo qualcosa di illegittimo e alla fine di un penoso tira e molla la pratica è stata rinviata.

Ridicolo il fatto che dopo aver imposto un ordine del giorno lunghissimo senza nessuna apertura alla richiesta della minoranza di un’altra data, dopo aver iniziato il consiglio con oltre un’ora di ritardo e dopo aver perso altro tempo con trattative surreali sulle pratiche Rivieracque, la maggioranza si sia autovotata la sospensione del consiglio comunale perché erano stanchi. Guarda caso proprio quando avremmo dovuto trattare la nostra mozione sui migranti e guarda caso proprio il giorno in cui riaffiora il caso caserma Crespi e si profila una grossa fregatura per la Città di Imperia.

Ritengo inaccettabile e gravissimo questo modo di condurre i lavori di un consiglio comunale e mi riservo di fare una segnalazione al Prefetto”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Riviera24.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.