La critica

Rapporto di Legambiente su spiagge. Za Garibaldi: «Diano Marina in questi ultimi due anni è stata oggetto di una grande opera di difesa del litorale»

«Forse per qualcuno il covid, la guerra in Ukraina e la Bolkentein non sono stati sufficienti a mettere in crisi settori trainanti della nostra economia turistica»

spiaggia Diano
Diano Marina. Il sindaco di Diano Marina, Cristiano Za Garibaldi, commenta il rapporto di Legambiente sulle spiagge che riguardano anche il suo comune.
«Ritengo assolutamente strumentale e risibile l’intervento di Lega Ambiente di quest’oggi che a riguardo dei piani di utilizzo del demanio stigmatizza negativamente l’operato della regione Liguria e in particolare alcuni comuni tra i quali anche Diano Marina in quanto non in possesso della “giusta” percentuale di spiagge libere.
spiaggia Diano
Onestamente non ne comprendo ne l’utilità ne le motivazioni di un tale intervento, in primo luogo perché siamo nel pieno di una stagione balneare fin qui soddisfacente, ma complicata da una gestione prudenziale post covid, in secondo luogo poiché proprio Diano Marina in questi ultimi due anni è stata oggetto di una grande opera di difesa del litorale che ha permesso, proprio grazie a fondi regionali , di ampliare di almeno 200 metri lineari con profondità anche triplicate rispetto al passato la percentuale di arenili completamente liberi sul nostro comune. Probabilmente i dati di Lega Ambiente non sono aggiornati o forse per qualcuno il covid, la guerra in Ukraina e la Bolkentein non sono stati sufficienti a mettere in crisi settori trainanti della nostra economia turistica che per altro contribuiscono da sempre a tenere pulito l’ambiente , alla gestione e alla protezione dei litorali».
commenta