Giornata commemorativa

L’Unione italiana ciechi e ipovedenti Onlus-Aps della sezione territoriale di Imperia ricorda Bianca Maria Veneziani fotogallery

Consegnate delle targhe a due persone particolarmente vicine e collaborative col mondo dei non vedenti: Nadia Pollarolo e Giancarlo Di Malta

Sanremo. Si è svolta mercoledì 27 luglio, con una buona partecipazione di soci e simpatizzanti, la Giornata commemorativa indetta dall’Unione italiana ciechi e ipovedenti Onlus-APS della sezione territoriale di Imperia per ricordare la socia sanremese Bianca Maria Veneziani che, prima di spegnersi nel 2018, fece un generosissimo e considerevole gesto destinando gran parte del suo patrimonio all’associazione che, posta sotto la vigilanza del Ministero dell’Interno, esercita le funzioni di rappresentanza e di tutela degli interessi morali e materiali delle persone cieche e ipovedenti.

Per Statuto il patrimonio associativo è unitario, quindi è totalmente in carico alla sede nazionale, ma la gestione/amministrazione degli immobili resta alla sezione territoriale imperiese come autofinanziamento per le varie spese come ad esempio la conduzione delle due sedi presenti una ad Imperia e l’altra a Sanremo, il personale per assistere i soci nelle tante incombenze burocratiche e portare avanti le attività e iniziative in favore degli iscritti.

Nel pomeriggio una rappresentanza, composta dal presidente sezionale Fabrizio D’Alessandro, dai consiglieri sezionali Patrizia Fedrighi e Pietro Garibaldi e dalla socia Renata D’Amato, ha fatto visita al sepolcro della benefattrice presso il camposanto della Foce di Sanremo.

Alle 18 invece, presso la chiesa Santa Maria degli Angeli in piazza Colombo di Sanremo, è stata celebrata dal parroco don Goffredo Sciubba la Santa Messa in suo nome. Alle 19, a bordo piscina del ristorante Mediterranée di Sanremo, è stata fatta la consegna delle targhe a due persone particolarmente vicine e collaborative col mondo dei non vedenti. Il Consiglio sezionale infatti, nell’ultima seduta svolta, per dare un segno concreto e rendere indelebile il ricordo di questa grande persona, ha istituito il riconoscimento Bianca Maria Veneziani che per il 2022 è stato assegnato alla dottoressa Nadia Pollarolo di Imperia per il costante impegno professionale nel contrastare le problematiche alla vista e nell’esemplare disponibilità nei confronti della sezione dell’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti Onlus Aps di Imperia, premiata dal consigliere delegato sezionale il dottor Gianpaolo Abbo di Imperia che, oltretutto, con lei ha in comune l’appartenenza ai Lions club definiti anche, per il prezioso servizio ai non-vedenti ed a quanti hanno gravi problemi di vista, “Cavalieri della luce” e al mister Giancarlo Di Malta di Sanremo per l’impegno profuso nella crescita sportiva delle persone non vedenti e per aver portato avanti con tanta dedizione la squadra Sanremo-Liguria calcio non vedenti, premiato dal vicesindaco e assessore del Comune di Sanremo Costanza Pireri.

Il presidente UICI sezionale D’Alessandro ha esposto l’importanza del fondamentale lascito poiché il sodalizio ha da sempre avuto enormi difficoltà economiche, con questo non sono risolte, ma per lo meno è arrivato un grande potenziale sostegno. Attualmente ci sono ancora una miriade di problemi da risolvere, ma quando la gestione sarà più fluida, si potrà amministrare più serenamente divenendo ancor più incisivi e propositivi per tutta la categoria rappresentata.

Il vice presidente sezionale Cesare Longordo ha illustrato il progetto dello screening oculistico nelle scuole che, in collaborazione con lo I.A.P.B. (Agenzia internazionale prevenzione cecità) e i Lions club imperiesi, se tutto andrà bene si potrebbe attuare sul territorio provinciale con l’inizio dell’imminente anno scolastico. Alla giornata commemorativa ha partecipato anche l’influencer non vedente e socio sezionale Sebastiano Gravina che, col suo videociecato, sta ottenendo buona visibilità sui social e buoni risultati sui media dimostrando che, anche se un senso è mancante, con la buona volontà e lo spirito giusto si può fare tanto.

La serata si è conclusa con l’apericena offerta agli intervenuti dalla sezione UICI imperiese proprio per condividere tutti insieme il ricordo di Bianca Maria Veneziani ed elogiare il suo gesto che, in questo modo, continuerà a vivere virtualmente e che il suo patrimonio aiuterà una buona causa.

commenta