Palazzo di giustizia

Imperia, terminati nella notte gli interrogatori dei fratelli Speranza. Gli avvocati: «Siamo soddisfatti»

I verbali degli interrogatori sono stati secretati

Imperia. E’ terminato alle 23,30, dopo quattro ore e mezza, l’interrogatorio di Gaetano Speranza, ascoltato dal sostituto procuratore Barbara Bresci dopo il fratello Vincenzo, titolare della ditta Edilcantieri Costruzioni Srl, messo sotto torchio per nove ore. «Siamo soddisfati. I nostri assistiti hanno chiarito la loro posizione», hanno dichiarato gli avvocati Roberto Trevia e Alessandro Moroni, legali dei due fratelli.

I verbali degli interrogatori sono stati secretati: impossibile, al momento , conoscere il contenuto di quanto rivelato dai due indagati al magistrato.

Vincenzo Speranza è detenuto nel carcere di Sanremo dallo scorso 30 maggio. Quel giorno i carabinieri di Imperia lo avevano arrestato in flagranza di reato insieme all’allora sindaco di Aurigo e consigliere provinciale Luigino Dellerba. Per il fratello le manette sono scattate qualche giorno dopo. I tre sono accusati di corruzione e abuso d’ufficio per un presunto giro di mazzette volto a favorire la gestione degli appalti pubblici.

leggi anche
Interrogatorio Speranza
Palazzo di giustizia
Imperia, nove ore sotto torchio: Vincenzo Speranza interrogato dal pm
commenta