Quantcast
Servizio 112 in Liguria, Pastorino (Linea Condivisa): «Tempi di risposta troppo lunghi» - Riviera24
L’allarme

Servizio 112 in Liguria, Pastorino (Linea Condivisa): «Tempi di risposta troppo lunghi»

«Pochi operatori, la Giunta Toti deve risolvere questa grave situazione»

nue 112

Genova. Il capogruppo di Linea Condivisa in Consiglio Regionale e vice presidente Commissione II Sanità Gianni Pastorino lancia l’allarme sui tempi di risposta del servizio NUE (Numero Unico d’emergenza Europeo 112).

«In caso di chiamata al 112 i tempi di risposta devono rientrare entro i 10 secondi – spiega Gianni PastorinoNella maggior parte delle regioni italiane si riesce a tenere una media di circa 3 secondi. Nella nostra regione la media di risposta all’emergenza si aggira introno ai 7/8 secondi».

«Il servizio di emergenza del NUE è composto da 37 operatori, un numero troppo basso per gestire in tempi rapidi le emergenze. Il servizio dovrebbe avere attivi almeno 54 operatori. È evidente un deficit di circa il 30% degli operatori, di questo passo c’è il rischio che la nostra regione non rientri nei tempi di risposta minimi per garantire una risposta immediata all’emergenza sanitaria – continua Gianni Pastorino – Si tratta di un altro chiaro esempio di mala organizzazione della Giunta Toti che, sulla sanità, si limita ai grandi proclami mentre, nei fatti, il sistema sanitario ligure boccheggia. Per questo motivo oggi ho voluto portare questa problematica in Consiglio Regionale con una interrogazione a risposta immediata alla giunta».

«Una grave carenza di organico che, ancora una volta, ha delle inevitabili ricadute negative su lavoratrici e lavoratori. In Liguria gli operatori sanitari portano avanti questo prezioso servizio con impeccabile professionalità, nonostante le evidenti difficoltà. Un plauso va fatto agli operatori che, oltre ad essere preparatissimi e specificamente formati, sono anche estremamente disponibili a costanti “salti mortali” per garantire comunque la tenuta di un servizio indispensabile alla cittadinanza», conclude Gianni Pastorino.

Più informazioni
commenta