Quantcast
Taggia, concessioni gratuite per ampliamento di déhor su suolo pubblico - Riviera24
L’avviso pubblico

Taggia, concessioni gratuite per ampliamento di déhor su suolo pubblico

«Gli esercizi di ristorazione potranno presentare le istanze di ampliamento fino al 30 giugno» - annuncia il consigliere Cerri

comune taggia

Taggia. «A partire da oggi, venerdì 1 aprile – comunica il consigliere incaricato ai rapporti con associazioni di categoria Chiara Cerrigli esercizi di ristorazione (bar, caffè, gelaterie, pasticcerie ecc.), di cui all’art.5 Legge 25 agosto 1991 n° 287, potranno presentare le istanze di ampliamento dei déhors su suolo pubblico al Comune di Taggia. La domanda potrà essere inoltrata in via telematica al comune e non sarà soggetta a imposta di bollo fino al 30 giugno».

L’avviso pubblico e il relativo modulo sono reperibili al seguente link. L’istanza, scaricabile dal link, potrà essere presentata in forma semplificata sino al 30 giugno 2022 al seguente indirizzo p.e.c comune.taggia.im@certificamail.it o all’e-mail info@comune.taggia.im.it allegando la planimetria. La documentazione verrà sottoposta al vaglio degli uffici comunali competenti per verificarne la fattibilità ai fini del rilascio della concessione a titolo gratuito. Si precisa che i beni mobili utilizzabili ai fini dell’ampliamento possono essere, a titolo esemplificativo, tavolini, sedute e ombrelloni.

Coloro che sono interessati a mantenere la precedente concessione di ampliamento della superficie (scaduta 31.03.2022) devono obbligatoriamente presentare una nuova istanza e coloro che sino ad oggi non hanno ancora presentato alcuna istanza possono presentare la domanda di ampliamento di suolo pubblico in via telematica nelle modalità indicate.

«Ci tengo a sottolineare che – conclude il consigliere Cerri – questa misura di agevolazione interessa il suolo pubblico ma che l’amministrazione, insieme agli uffici competenti, si sta impegnando a predisporre una misura analoga per il periodo estivo anche a favore degli esercizi commerciali insistenti su area demaniale».

commenta