Il reportage/2

Sanremo, poco più di 200 euro all’anno per gestire Villa Vista Lieta fotogallery

Cauzione da 2mila euro e affidamento per almeno sei anni. Sulla carta dovrebbe ospitare una Rsa

Villa Vista Lieta, il patrimonio perduto

Sanremo. Per partecipare al bando pubblico ed ottenere la concessione di valorizzazione di Villa Vista Lieta, in corso Inglesi a Sanremo, tra i vari documenti da allegare alla proposta c’è anche quella di un canone annuale fisso che non deve essere inferiore a 212,74 euro. Oltre ad una cauzione di 2mila euro. Cifre irrisorie, in confronto ad un bene pubblico che fino a qualche mese fa era in vendita per poco meno di 10milioni di euro.

E’ quanto si evince dal bando pubblicato dall’Agenzia del Demanio, proprietaria del compendio immobiliare di alto pregio storico ed architettonico composto dalla villa padronale, la “casa del custode” e la dépandance, tutte proprietà immerse in un parco di circa 18mila metri quadrati con vista sul mare. Chi si aggiudicherà il bando dovrà gestire la struttura da un minimo di sei anni ad un massimo di cinquanta.

Ma cosa diventerà Villa Vista Lieta? Nel bando è specificato che «Non sono ammissibili funzioni differenti da quella Socio assistenziale già prevista nell’ambito del P.U.C. vigente». In pratica il destino della dimora, che la signora Ogle Boyd donò a Benito Mussolini, e che, per volere del duce divenne bene dello Stato, dovrà ospitare una RSA o Senior Housing: una residenza sanitaria per anziani, in sostanza. Ma c’è una postilla, nel bando, che apre ad altre possibilità. «Non sono previste destinazioni differenti – si legge – Salvo richiedere variante di piano, rispetto a quanto indicato nel vigente strumento urbanistico».

Tradotto: villa, casa del custode, dependance e parco potrebbero trasformarsi in un albergo, ad esempio, se chi gestirà il compendio otterrà il permesso di cambiarne la destinazione d’uso. Il tutto, però, impegnandosi a mantenere in buono stato e non modificare i beni mobili, come alcuni elementi di arredo, che sono soggetti a vincolo. L’immobile, infatti, è sottoposto a vincolo da parte della Soprintendenza che ne ha riconosciuto l’elevato pregio architettonico e storico.

Per evitare l’abbandono di un compendio che da 20 anni è inutilizzato, il Demanio lo ha inserito nel progetto “Valore Paese Italia“, volto al riutilizzo ed al miglioramento di beni pubblici altrimenti destinati al degrado.

Bisogna dire che il futuro gestore avrà diversi costi da sostenere: solo per il grande parco, dopo un primo intervento di manutenzione straordinaria sostenuto dalla Direzione Territoriale Liguria nel 2021 per 80mila euro

La Direzione Territoriale Liguria nell’anno 2021 ha completato un primo intervento di manutenzione straordinaria del parco, per un importo pari a circa 80mila euro, sono stimati costi di circa 35mila euro all’anno (per tre anni) per gli interventi annuali di manutenzione. Va poi considerata la ristrutturazione degli immobili e l’adeguamento delle camere, una cinquantina, che dovrebbero ospitare anziani degenti.

Per partecipare alla procedura è necessario inviare la documentazione richiesta entro le 12 del prossimo 19 maggio. In quella data si conoscerà il destino di Villa Vista Lieta.

Info: https://www.agenziademanio.it/opencms/it/progetti/concval2021/dettaglio-gara/Avviso-di-concessione-di-valorizzazione-di-n-00001.-1-lotto-di-bene-immobile-sito-nella-Regione-Liguria

leggi anche
Generico aprile 2022
Reportage
Dagli inglesi a Mussolini, Villa Vista Lieta abbandonata nelle mani dello Stato
Villa Vista Lieta, il patrimonio perduto
Sanremo
Villa Vista Lieta, c’è un’offerta conforme. Il recupero ad un punto di svolta
commenta