Quantcast
Rally

Diversi piloti di Varese al Rallye Sanremo

Cercheranno di sbancare ad una delle gare più storiche del nostro Paese

Rallye Sanremo

Sanremo. Varese schiera la sua “nazionale di rally” più o meno al completo per provare a sbancare il Rallye Sanremo, una delle gare più storiche del nostro Paese, un tempo già prova del Mondiale e ora inserita come seconda gara stagionale del CIAR Sparco, ovvero il campionato italiano assoluto.

Vi saranno ben tre concorrenti varesotti (che diventano quattro con la gara di zona) di primissimo piano pronti a fare risultato nella gara tricolore: con i numeri 1 e 2 sulle fiancate ci saranno Andrea Crugnola e Damiano De Tommaso, mentre a qualche minuto di distanza (numero 12) sarà la volta di Simone Miele. Con Andrea Spataro, fresco di vittoria al “Laghi”, pronto invece a fare risultato nel Sanremo Leggenda valido per il trofeo di zona.

Crugnola e De Tommaso si sono ampiamente guadagnati le prime posizioni dello schieramento, dominando la prima gara del CIAR 2022 disputata al Ciocco: l’ex campione d’Italia vinse a bordo della sua Citroen C3 (con Pietro Ometto) staccando in modo netto tutti i rivali con la sola eccezione dell’isprese, tornato in pianta stabile a gareggiare con Giorgia Ascalone sulla Skoda Fabia. Tutto lascia pensare che questo “derby” andrà in scena anche in Liguria (dove “Cru” non ha mai vinto), tenendo ben presente però che a Sanremo interverranno almeno un paio di avversari “speciali” oltre ai soliti (e validissimi) Basso, Albertini e via dicendo.

Tra gli iscritti figurano infatti due “big” internazionali, l’irlandese Craig Breen (3° quest’anno al Monte Carlo) su Ford Puma e il norvegese Mads Ostberg (un rally mondiale vinto in carriera nel 2012) su Citroen C3: Breen in particolare ha già partecipato a gare tricolori in passato e soprattutto bi-campione in carica a Sanremo dove ha vinto le edizioni 2019 e 2021 (quella del 2020 venne sospesa per maltempo). L’edizione passata fu segnata dal “giallo” relativo al risultato finale: Breen era compagno di colori di Crugnola e venne inizialmente penalizzato per un controllo orario in ritardo. In quel modo il successo sarebbe andato al varesino, ma successivamente la penalità venne tolta consentendo una doppietta Hyundai con l’irlandese davanti, non senza polemiche. Stavolta i due sono al 100% avversari con il pilota Ford che ha scelto anche di iscriversi al CIAR e quindi di diventare concorrente a tutti gli effetti per il titolo italiano (vedremo poi se affronterà il programma completo o meno).

Resta, in chiave varesotta, da citare Simone Miele: il 33enne di Olgiate Olona è all’esordio assoluto nel CIAR dopo la lunga esperienza tra italiano WRC (titolo sfiorato due volte) e IRCup (vinta nel 2021). Salvo miracoli, il suo Sanremo sarà da apprendista di lusso, anche perché è praticamente nuova anche l’accoppiata vettura-navigatore, visto che Miele gareggerà sulla Fabia Rally2 insieme ad Eleonora Mori che da quest’anno, sul sedile di destra, prenderà il posto di Roberto Mometti. A chiudere la pattuglia c’è anche Giulia Paganoni, navigatrice di Varese impegnata (nel CIAR) accanto ad Antonio Rusce sulla Hyundai i20 numero.

Passando invece alla gara del CRZ, ecco Andrea Spataro che torna a Sanremo dove non è sempre stato fortunato, per proseguire il cammino nella Coppa di Zona iniziata alla grandissima con il successo in casa, al “Laghi”. Il luinese trapiantato in Val d’Intelvi sarà affiancato di nuovo da Alessia Muffolini con la Skoda Fabia Rally2: i principali avversari saranno probabilmente Ferrarotti, Furci e Varisto ma anche la sfida femminile tra Patrizia Sciascia e Sara Micheletti, quest’ultima (fidanzata di Simone Miele) sulla seconda vettura della DreamOne Racing insieme alla varesina Miriam Marchetti.

Il 69° Rallye Sanremo si disputa tra venerdì 8 e sabato 9 aprile: nella prima giornata ci saranno lo shakedown e ben cinque prove speciali a partire dalla Power Stage (ore 15) Vigne di Bajardo seguita poi da due passaggi sull’accoppiata Vignai-Vignone. Sabato le altre sei PS, due a testa sui tratti Passo Teglia, Langan e Semoigo. Arrivo intorno alle 17,20.

commenta