Quantcast
Nel fiume

Bomba nell’Argentina, nuovo sopralluogo degli artificieri fotogallery

Per stabilire le modalità di brillamento o disinnesco

Taggia. È iniziato intorno alle 10 il sopralluogo degli artificieri dell’esercito nel greto del torrente Argentina tra i Comuni di Arma di Taggia e Riva Ligure dove, sabato scorso, è stata rinvenuta una bomba di aereo americana del peso di circa mille libbre, pari a 454 chilogrammi. L’ordigno inesploso risale alla seconda guerra mondiale.

Al sopralluogo erano presenti anche i carabinieri di Taggia, i militari della Guardia Costiera e il sindaco di Riva Ligure Giorgio Giuffra.

Domani si svolgerà un vertice in Prefettura per stabilire le modalità di brillamento o disinnesco della bomba, ritrovata durante alcuni lavori di movimento terra nell’alveo del torrente. Al momento l’ipotesi più probabile è che l’ordigno venga spostato in mare aperto.

Non è escluso che si renda necessario sgomberare gli edifici che si trovano in un raggio di 500 metri dal luogo del rinvenimento per ragioni di sicurezza.

 

leggi anche
ritrovamento bomba taggia riva
Nel fiume
Bomba nel torrente Argentina, mercoledì nuovo sopralluogo degli artificieri
Mappa zona rossa a Taggia
Emergenza ordigno
Bomba day, mappa interattiva della zona rossa a Taggia
spiaggia diano marina
L'iniziativa
“Bomba day”, Diano Marina offre agli abitanti sfollati l’ingresso in spiaggia ai Bagni Delfino
camera espansione taggia bomba
Aggiornamento
“Bomba day”, gestione accoglienza: ecco il piano operativo del Comune di Taggia
commenta