Cronaca

Vallecrosia, non ce l’ha fatta la suora investita sulle strisce

L'incidente questo primo pomeriggio in via Colonnello Aprosio

Vallecrosia. Ha perso tragicamente la vita suor Giuseppina (Sant’Anna) che è stata investita intorno alle 13:30 in via Colonnello Aprosio, sull’Aurelia. La religiosa, 85 anni, è stata travolta da un’autovettura guidata da un giovane mentre stava attraversando la strada sulle strisce pedonali, nei pressi della Casa Valdese di Vallecrosia. Nell’urto è stata sbalzata per una decina di metri, finendo poi sull’asfalto, esanime.

Inutili i tentativi di salvare la vita alla donna, soccorsa subito dai militi della Croce Azzurra di Vallecrosia che con l’ambulanza si sono trovati per caso sulla scena dell’incidente. Sul posto è sopraggiunto anche il personale sanitario del 118 a bordo dell’automedica. Le condizioni della suora sono apparse subito disperate: incosciente, è stata intubata e portata all’eliporto del vicino ospedale Saint Charles, dove ad attenderla c’era l’elicottero Grifo, pronto a trasbordarla al Santa Corona di Pietra Ligure. Ma una volta raggiunto l’elisoccorso, il personale sanitario ha compreso che per l’anziana non c’era più nulla da fare. E’ stata dunque riportata al punto di primo intervento dell’ospedale di Bordighera dove è spirata.

A ricostruire la dinamica dell’incidente saranno i carabinieri, che hanno acquisito le immagini di videosorveglianza sia pubblica che privata presenti sull’Aurelia. Il giovane conducente dell’auto, sotto choc per l’accaduto, ha dichiarato di non aver visto la suora attraversare: ora dovrà rispondere di omicidio stradale.

Oltre ai militari dell’Arma sono intervenuti anche gli agenti della Polstrada e la polizia locale di Vallecrosia, che ha chiuso un tratto di Aurelia per consentire ai soccorritori di operare in sicurezza.

leggi anche
investimento pedone vallecrosia aurelia
Cronaca
Vallecrosia, suora investita sulle strisce: è grave
funerali suor pia
L'addio
Vallecrosia saluta suor Pia, vescovo: «Il giorno prima si era confessata e aveva detto: devo morire presto»
commenta