Quantcast
Corridoi umanitari, Mai (Lega): «Il Pd pensa agli afghani e non agli ucraini» - Riviera24
Consiglio regionale

Corridoi umanitari, Mai (Lega): «Il Pd pensa agli afghani e non agli ucraini»

«La Lega è solidale nei confronti delle persone che scappano dalle guerre e non fa distinzioni. Siamo vicini ai profughi di tutti i colori e di qualsiasi nazionalità essi siano»

Stefano Mai

Genova. «La Lega è solidale nei confronti delle persone che scappano dalle guerre e non fa distinzioni. Siamo vicini ai profughi di tutti i colori e di qualsiasi nazionalità essi siano. Però nel documento presentato in aula dal Pd ci sono sostanzialmente tre cose sbagliate. La prima è quando si parla dell’ampliamento della rete SAI (Sistema Accoglienza Immigrazione) perché questo rischierebbe di intercettare quell’immigrazione irregolare, che ovviamente non possiamo accettare. La seconda è quando si prevede di scaricare molto sui Comuni del territorio e, in tal senso, non si può citare il sindaco di Prato come simbolo di immigrazione corretta. La terza è che l’odg del Pd chiedeva di mantenere un presidio diplomatico a Kabul, ma questo significherebbe riconoscere lo Stato talebano. Se il Pd non fosse stato interessato meramente alla polemica politica, avremmo potuto riportare il documento in commissione per le opportune modifiche e arrivare così a un testo congiunto adeguandolo a quello che sta purtroppo succedendo oggi tra Russia e Ucraina. Evidentemente, loro pensano agli afghani e non agli ucraini in fuga verso l’Italia».

Lo ha dichiarato il capogruppo regionale Stefano Mai (Lega) a seguito dell’astensione della Lega durante la votazione dell’ordine del giorno del Pd sulla garanzia di corridoi umanitari, in particolare per coloro che hanno collaborato con la missione italiana e dopo il 31 agosto scorso sono rimasti in Afghanistan.

leggi anche
Consiglio regionale
Ordine del giorno
Fratelli d’Italia in Consiglio Regionale: «Ci rifiutiamo di porre dei veti a chi è un vero profugo di guerra»
Consiglio regionale
L'opinione
Iniziative di solidarietà per profughi ucraini, Massa (Arci Liguria): «Consiglieri regionali di Fdi e Lega si sono astenuti, decisione imbarazzante»
Consiglio regionale
La seduta
Consiglio regionale, approvate disposizioni finanziarie di carattere urgente per i profughi dell’Ucraina
commenta