Quantcast
L'intervento

Super green pass, Pastorino (Linea Condivisa): «Garantire a tutte le persone la terza dose in tempi idonei»

«Per poter continuare a svolgere tutte le attività, non solo lavorative»

riviera24 - green pass

Genova. La validità del cosiddetto super green pass è stata repentinamente ridotta ex lege da 9 mesi a 6 mesi con decorrenza dal 31/01/2022.

«Questa scelta politica pone nell’immediato un grande problema a migliaia di persone – dichiara il consigliere regionale di Linea Condivisa Gianni Pastorino – poiché è elevato il numero di cittadine e cittadini che hanno ricevuto la seconda dose da oltre sei mesi e che, stanti i limiti delle prenotazioni al momento possibili, corrono il rischio più che concreto di non riuscire a ricevere “in tempo” il booster. Questo comporterà necessariamente problemi con riferimento alla prestazione dell’attività lavorativa individuale, all’economia del Paese e all’accessibilità a tutte le altre attività garantite dal possesso del super green pass».

«La terza dose è infatti al momento somministrabile solo su appuntamento e le tempistiche attuali non consentono alle persone che improvvisamente si ritrovano ex lege col cd. super green pass scaduto di ricevere la dose booster nei tempi necessari per mantenere la validità dello stesso» – sottolinea.

«Per evitare che tante cittadine e cittadini si ritrovino impantanati in questo limbo dantesco, ho scritto al direttore generale di Alisa Giuseppe Ansaldi e per conoscenza al presidente della Regione e a tutti i direttori delle ASL liguri, chiedendo di implementare le vaccinazioni previste al fine di consentire a tutti coloro che lo richiedono di ricevere la terza dose (booster) e avere così entro le nuove tempistiche il cosiddetto “super green pass” per poter continuare a svolgere tutte le attività, non solo lavorative. Perché, ed è bene sottolinearlo, le persone sono psicologicamente allo stremo e dobbiamo poter garantire, a tutte le persone che ne fanno richiesta, di poter accedere in tempi idonei alla terza dose» – conclude il vicepresidente della commissione sanità Gianni Pastorino.

commenta