Quantcast
La dichiarazione

Scuola, Costa (Noi con l’Italia): «Luoghi sicuri e controllati. Ripartire in presenza era priorità»

«Chi vuole la dad vuole richiudere il Paese»

banchi scuola generica

Genova. «La ripresa delle lezioni in classe e in sicurezza è un segnale importante. Gli istituti e le aule sono luoghi sicuri e controllati, grazie anche alle regole del distanziamento, all’areazione e all’utilizzo delle mascherine. La stragrande maggioranza del personale docente è vaccinato, così come i giovani alunni della fascia 12-19. Sono cresciute anche le vaccinazioni dei più piccoli. Le nuove regole sulle quarantene e sull’eventuale didattica a distanza, approvate all’unanimità, sono chiare e puntuali. Abbiamo stanziato importanti risorse per potenziare le attività di tracciamento all’interno delle strutture scolastiche. Tutte iniziative che ci permetteranno di gestire al meglio la situazione e di farci trovare pronti. Chi vuole mettere in dad da subito tutti i nostri ragazzi vuole tornare a chiudere il Paese. Questo Governo è di tutt’altra idea. Le nostre scelte vanno tutte nella direzione di tenere aperta l’Italia, anche e soprattutto gli istituti scolastici. Abbiamo scelto di tutelare il più possibile la scuola in presenza, perché luogo di crescita e presidio per la comunità: i nostri alunni hanno già pagato un prezzo troppo alto in questa pandemia».

E’ quanto dichiara questa mattina il sottosegretario di Stato alla Salute Andrea Costa (Noi con l’Italia) a margine della visita alla scuola secondaria di I grado “V. Alfieri” della Spezia, in occasione della ripresa dell’anno scolastico in presenza dopo le pausa per le festività natalizie.

commenta