Quantcast
L'addio

Sanremo perde un’altra edicola: piazza Colombo. Moria inarrestabile

La notizia rilanciata dall'ex consigliere comunale di Sinistra Italiana ed edicolante Fabio Ormea

edicola piazza colombo

Sanremo. La Città dei Fiori conta un’altra chiusura tra le edicole del centro cittadino. Cessa l’attività il chiosco di piazza Colombo, sotto i portici, all’incrocio di via Palazzo. La serrata ha coinciso con la fine dell’anno. Negli ultimi tempi Sanremo ha perso ben sei edicole, vuoi per motivi economici legati alla crisi dell’editoria e dei distributori (in provincia ne è rimasto solo uno a Pontedassio), vuoi per ragioni legate alla sfera personale dei titolari, come nel più recente caso di piazza Colombo.

La notizia della chiusura del giornalaio di piazza Colombo è stata rilanciata sui social dall’ex consigliere comunale di Sinistra Italiana ed edicolante di corso Garibaldi Fabio Ormeai: «Oggi, 2 gennaio, Sanremo ha perso un altro presidio di informazione. Ha chiuso un’edicola del centro, sotto i portici in piazza Colombo. È un’ecatombe, una moria che va arrestata. L’edicola, non è solo un’attività commerciale, ma svolge una funzione sociale, è un luogo di incontro dove gli over 60 discutono, chiacchierano, scherzano. È un luogo dove si ricordano i tempi passati, si rivivono emozioni. Io temo che ci sia una volontà a monte, per sterminarle. Molti editori accelerano sul digitale per abbandonare quanto prima il cartaceo. Però così facendo il livello culturale degli abitanti del nostro territorio tenderà ad impoverirsi.

Perché il cartaceo, solo sfogliarlo, ti apre a un mondo di approfondimenti, invece il digitale, oltre ad affaticare la vista, lo si legge in modo marginale. Poi si impoveriscono i quartieri, si svuotano di socialità. In via Palazzo, dopo la chiusura dell’edicola, manca l’invito ad addentrarsi nella città vecchia. Vi è uno arco vuoto, triste. Vi è la necessità di trovare formule fiscali, o incentivi che ne possano garantire la sopravvivenza, invece questo non avviene, anzi su ogni chiusura cade un silenzio che sa di rassegnazione».

Negli ultimi anni a chiudere sono state le edicole di via Panizzi, poi quella della Foce di fronte all’ex albergo Astoria, Corso Mombello, via Corradi, via Palazzo all’ingresso della Pigna e quindi piazza Colombo. A queste si aggiunge la rivendita di giornali sotto la Madonna della Costa che era presente all’interno del tabacchino all’incrocio con via Galilei. Una moria inarrestabile, appunto.

edicola chiusa via Palazzo

(L’ex giornalaio di via Palazzo)

commenta