Quantcast
La denuncia

Sanità ed emergenza in Liguria, Pastorino (Linea Condivisa): «Il fallimento è totale»

«Non si registrano né nuove assunzioni per medici, infermieri e tecnici, né alcuna programmazione dei posti letto, che hanno chiuso, quando avrebbero dovuto restare aperti»

gianni pastorino

Genova. «Vedere Toti nelle fotografie, che cerca la ricostruzione del grande centro, dialogando con Renzi, per l’elezione del presidente della Repubblica, misura il distacco della politica da chi non governa il paese reale – esordisce così il Capogruppo di Linea Condivisa Gianni Pastorino perché è ormai chiaro che Toti non governa più la regione Liguria».

Il consigliere regionale e vicepresidente della Commissione II sanità, lo denuncia da tempo: «il caos a cui indubbiamente si assiste, per quanto riguarda la sanità, l’incremento dei casi elevatissimo, ma soprattutto un sistema che sta chiudendo le persone in casa senza alcun tipo di supporto pubblico, è diventata la dimostrazione inequivocabile di come la Liguria sia l’ultimo pensiero del presidente della nostra regione».

«Da più parti viene evocata la suggestione del periodo di guerra e mi viene da dire che sembra più una Caporetto, in cui gli operatori sanitari, ormai allo stremo, sono lasciati soli senza direttive precise, senza puntuali interpretazioni normative, senza una progettualità che leghi hub ospedalieri al territorio e quest’ultimo ai medici di famiglia. – spiega il consigliere regionale – tutto lasciato al singolo, che qualora se lo possa permettere, trova inevitabile la scelta di rivolgersi al mercato privato».

«Tutto questo accade nella regione con la più ingombrante struttura sanitaria d’Italia, inutile ricordare che in Liguria convivono cinque Asl, A.Li.Sa. che dovrebbe coordinarle, tre grandi Ospedali a sé stanti ed è in progetto una struttura di “missione” non meglio specificata. Nonostante vi siano stati ingenti finanziamenti straordinari, provenienti dal Governo, verso la sanità ligure – rincara la dose il vicepresidente della Commissione sanità – non si registrano né nuove assunzioni per medici, infermieri e tecnici, né alcuna programmazione dei posti letto, che hanno chiuso, quando avrebbero dovuto restare aperti, gli hub per il tamponamento, che erano una garanzia per le migliaia di persone che si trovano prigioniere in casa propria, senza l’intervento della sanità pubblica. Non si è riusciti a fare tesoro dell’esperienza maturata gli anni scorsi con le precedenti ondate. Un fallimento sotto ogni punto di vista».

leggi anche
riviera24 - tampone covid coronavirus
La risposta
Covid e sanità, la Lista Toti replica agli attacchi dell’opposizione
commenta