Quantcast
Ventimiglia, riuscito il convegno "Il coraggio delle donne afghane" - Riviera24
Dalla libertà all’oscurantismo

Ventimiglia, riuscito il convegno “Il coraggio delle donne afghane”

Un tema di grande attualità dopo il ritorno dei talebani al potere di quello che è stato ribattezzato Emirato Islamico dell’Afghanistan

riviera24 - Biblioteca Aprosiana Ventimiglia

Ventimiglia. Sala gremita, 50 persone circa, e pubblico attento sabato alla Biblioteca Aprosiana, sala Salgari, per il convegno organizzato da Fidapa e patrocinato dal Comune di Ventimiglia dal titolo “Il coraggio delle donne afghane. Dalla libertà all’oscurantismo”. Un tema di grande attualità dopo il ritorno dei talebani al potere di quello che è stato ribattezzato Emirato Islamico dell’Afghanistan. Le relazioni hanno focalizzato ognuna un argomento specifico, mettendo in risalto alcuni dei punti critici della situazione.

Dopo i saluti del vice sindaco Simone Bertolucci e della presidente di Fidapa Elisa Amelia, consulente del lavoro, ha preso la parola l’avvocata Ersilia Ferranti per trattare gli aspetti legali della “diaspora” afghana in Italia e soprattutto in Liguria. Passaggi importanti, anche per chiarire alcuni passaggi legislativi non pribi di ambiguità. La Ferrante, esperta in materia, è riuscita a rendere fruibile ogni aspetto.

A seguire, la dottoressa Alessandra Zunino, referente Critas sul tema dei profughi che ha raccontato alcune delle esperienze vissute a Ventimiglia dove la presenza dei profughi afghani, per quanto “di passaggio”, è comunque abbastanza rilevante. Molte le storie, ricordate da Alessandra, di donne vittime di violenza nel lungo percorso affrontato da Kabul a Ventimiglia e da qui all’Europa: Germania, Gran Bretagna e Paesi Scandinavi i più gettonati.

Un occhio alla geopolitico, con un excursus storico e del giornalismo (quasi mai libero) nel paese dei talebani è stato invece il senso dell’intervento di Mosé Carrara Sutour, giornalista free lence. A moderare Miriana Rebaudo, giornalista. Erano presenti, tra gli altri: il tenente di vascello Guardia Costiera Carmela D’Abronzo, il primo maresciallo Giovanni Larizza, responsabile dell’ufficio locale marittimo guardia costiera di Ventimiglia, il primo Dirigente del Commissariato di Ventimiglia Saverio Aricò, il vice sindaco di Vallecrosia Marilena Piardi, il funzionario apicale manifestazioni e Cultura del comune di Vallecrosia Roberto Capaccio, l’assessore del Comune di Ventimiglia Tiziana Panetta, il consigliere regionale Enrico Ioculano e il consigliere comunale di Ventimiglia Massimo D’Eusebio.

commenta