Quantcast
Rivieracqua, Cimap: «Il privato non è bello e neanche necessario» - Riviera24
L'intervento

Rivieracqua, Cimap: «Il privato non è bello e neanche necessario»

«Ancora una volta gli amministratori pubblici stanno dimostrando di non essere stati all’altezza della situazione»

Sanremo. «Dobbiamo constatare con estremo rammarico che ancora una volta è mancata la volontà politica per salvaguardare Rivieracqua affinché potesse restare una società pubblica. L’atto di indirizzo votato dalla maggioranza dell’amministrazione Biancheri il 28 ottobre scorso, dimostrava che c’erano le prerogative per salvare la società provinciale dallo sciagurato ingresso di soci privati, in palese contraddizione con l’esito referendario del 2011. Ma le stesse amministrazioni che in questi dieci anni hanno ostacolato l’avvio e l’operato di Rivieracqua, contribuendo ad esporre la società pubblica ad importanti debiti della gestione, non hanno voluto sostenere la via percorribile di un piano alternativo mettendo sul tavolo 25 milioni di euro e rispettare la volontà dei cittadini» – fa sapere il Coordinamento imperiese acqua pubblica.

«Ancora una volta gli amministratori pubblici stanno dimostrando di non essere stati all’altezza della situazione, rinunciando a sfruttare le risorse e la grande sfida dei fondi del PNRR, per risolvere le criticità che affliggono l’acquedotto imperiese, senza tradire la volontà popolare che ieri come oggi è fermamente convinta che l’acqua debba rimanere un bene comune, sottratto alle logiche del mercato e del profitto. Ma l’attacco ai beni comuni giunge da più parti. Il Ddl concorrenza rappresenta un attacco frontale ai beni comuni e ai diritti delle persone e delle comunità locali, perché prevede la privatizzazione di tutti i servizi pubblici comunali, proprio quei servizi che servono a soddisfare in modo continuativo i bisogni della collettività. Siamo di fronte allo smantellamento completo della funzione pubblica e sociale dei Comuni, costretti al ruolo di enti unicamente deputati a mettere sul mercato i servizi pubblici di propria titolarità, con grave pregiudizio dei propri doveri di garanti dei diritti della comunità di riferimento» – afferma il Cimap.

«Per parte nostra, continueremo ad insistere per realizzare la difesa dei beni comuni a partire dall’acqua. Per affermare l’idea che l’acqua è un diritto umano universale e che solo una reale gestione pubblica e partecipata può garantire questi principi. Si scrive acqua, si legge democrazia» – conclude il Cimap, Coordinamento imperiese acqua pubblica.

leggi anche
Vittorio Ingenito
L'assise
Bordighera, in consiglio comunale torna il tema Rivieracqua. Ingenito: «Situazione tragica, necessario intervento privato»
Gaia Checcucci
Piano d'ambito
Rivieracqua, il privato è di nuovo bello. Tariffe: si parte con un +8%
riviera24 - sede rivieraqua foto da mettere
Il pensiero
Rivieracqua, Pd Imperia: «Evitare l’ingresso del socio privato»
Roberto Rizzo
L'opinione
Rizzo (M5s Sanremo): «Rivieracqua non ammetta soci privati»
commenta