Quantcast
Provinciali 2021, da Riviera Trasporti a Rivieracqua: il punto con il candidato consigliere Vittorio Ingenito - Riviera24
A tu per tu

Provinciali 2021, da Riviera Trasporti a Rivieracqua: il punto con il candidato consigliere Vittorio Ingenito

Il sindaco di Bordighera è nella rosa degli amministratori scelti da Claudio Scajola

Bordighera. C’è anche il sindaco della Città delle Palme Vittorio Ingenito, nella rosa dei dieci candidati consiglieri alle prossime elezioni provinciali scelti direttamente dal candidato presidente Claudio Scajola, attuale sindaco di Imperia. Nella lista di centrodestra a sostegno dell’ex ministro, unico candidato alla presidenza della Provincia di Imperia, la presenza di Ingenito, senza bandiere, è probabilmente «l’unica civica», sottolinea il primo cittadino di Bordighera.

«E’ una candidatura che riguarda ed è riferita alla città di Bordighera – spiega Ingenito – Avrò la rappresentanza della nostra città, e a votare la mia candidatura saranno i consiglieri di Bordighera Vince». Oltre al centrodestra, che ha fortemente voluto Scajola presidente, il prossimo 18 dicembre si sfideranno altre due liste: una di centro sinistra e una del partito socialista. Ma senza un candidato presidente, il loro ruolo è destinato ad essere relegato all’opposizione, in una contrapposizione politica che spaccherà l’amministrazione provinciale, esattamente come accade nei parlamentini dei Comuni.

A pesare è soprattutto la spaccatura con il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri, che dopo essersi proposto come candidato presidente contro Scajola «ha ritirato la sua candidatura restando presente come candidato consigliere all’interno di una lista che evidentemente si presenta con degli elementi civici e degli elementi di centro sinistra, soprattutto con la rappresentanza del Pd – dichiara Ingenito – E quindi si è tornati ad una logica di contrapposizione che riguarda proprio la nostra provincia dove ci sarà una parte del consiglio che porterà delle delibere, le voterà, e altri che faranno giustamente una valutazione in ordine alla bontà delle stesse, alla legittimità, come avviene in qualsiasi consiglio comunale».

I problemi da risolvere sono tanti e annosi e, discussioni politiche a parte, ad attendere da troppo tempo una risposta a questioni nevralgiche è soprattutto il Ponente. «Credo che il Ponente abbia in questo momento particolari esigenze e la presenza di più esponenti del comprensorio Intemelio è fondamentale», dichiara Ingenito, in merito alla sua candidatura e a quella di colleghi dell’estremo lembo di Liguria. Ma l’attenzione sarà rivolta anche all’entroterra: «La mia visione è orientata anche lì – sottolinea -.  Ho già sentito diversi sindaci dell’entroterra che mi hanno evidenziato quali sono le loro problematiche. Qui la grande attenzione, come ha detto Claudio Scajola, dovrà essere rivolta a chi oggi non è rappresentato. Di conseguenza, diventa fondamentale avere un occhio di riguardo a quelli che sono i problemi più importanti della nostra provincia, dal biodigestore, quindi la necessità di trovare soluzioni più efficienti sullo smaltimento dei rifiuti, alle società partecipate, ma anche quelle che sono le esigenze dei piccoli comuni dell’entroterra che dovranno essere sempre ascoltati e avere delle risposte alle tante esigenze che ancora oggi hanno avanzato in più occasioni durante le nostre riunioni».

E Bordighera? «Bordighera ha diversi aspetti che devono essere valutati, in ordine ad esempio alla gestione dell’acqua – dice Ingenito -. Noi dovremo conferire, come è stato sentenziato dal Consiglio di Stato, il nostro patrimonio idrico all’interno di Rivieracqua, ci sono delle valutazioni che stiamo portando avanti in confronto con la società stessa. Però è evidente che poi ci saranno delle scelte strategiche che dovranno essere fatte e valutate all’interno di un consiglio provinciale anche per quelle che saranno le scelte su un eventuale operatore privato da affiancare a una gestione pubblica».

Riviera Trasporti. «Anche per il trasporto pubblico locale c’è la necessità di trovare fonti di finanziamento per ridare e riportare Riviera Trasporti o a chi sarà la società che dovrà dare questo servizio, a garantire a tutti i dipendenti lo stipendio che fino ad oggi la società stessa ha avuto qualche difficoltà a pagare. Ci sono molti aspetti che dovranno essere valutati in maniera molto professionale. Quello che mi auguro è che all’interno delle società partecipate della Provincia ci siano delle competenze diverse rispetto a quelle che abbiamo visto fino ad oggi».

Ospedale Saint Charles. «Essere all’interno della Provincia vuol dire anche avere un aggiornamento completo di tutte quelle che sono le evoluzioni che potrà avere la nostra sanità nel ponente ligure – conclude Vittorio Ingenito – Nell’ultima commissione regionale ho evidenziato che il comune di Bordighera nel 2004 ha sottoscritto un accordo transattivo con Asl affinché l’area del Saint Charles avesse destinazione ospedaliera con un pronto soccorso e tutti i reparti connessi. Qualora il privato o il pubblico non dovessero garantire quella destinazione con il pronto soccorso, il comune di Bordighera allora potrà rivedere quell’accordo transattivo anche con una risoluzione. Il tutto, ovviamente, con un confronto molto sereno con tutti i Comuni del comprensorio Intemelio, perché il Saint Charles è un ospedale del comprensorio e non solo di Bordighera».

commenta