Quantcast
Edilizia

Preventivi ristrutturazione: ecco perché conviene richiederne più di uno

É necessario se si vuole rinnovare una casa vecchia appena acquistata, in caso contrario si corre il rischio di brancolare nel buio e di non avere consapevolezza delle varie fasi che devono scandire i lavori

Riviera24- ristrutturazione lavori

Tutti, almeno una volta nella vita, devono fare i conti con un evento ormai comune ovvero la ristrutturazione della propria casa. Le case, infatti, con gli anni necessitano di interventi di manutenzione e di ristrutturazione onde evitare problemi e disagi vari. Tuttavia, occorre precisare che, se si vuole rinnovare una casa vecchia appena acquistata, oppure si ha intenzione di ammodernare la propria abitazione, è necessario richiedere dei preventivi per ristrutturazione e trovare la soluzione più adatta ai propri ambienti. In caso contrario, si corre il rischio di brancolare nel buio e di non avere consapevolezza delle varie fasi che devono scandire i lavori.

Cosa fare prima di ristrutturare casa

Come sopra anticipato, quando si ha intenzione di ristrutturare la propria abitazione è fondamentale avere le idee chiare ed essere super organizzati. La prima cosa da fare, ad esempio, è richiedere un preventivo per la ristrutturazione a diversi professionisti del settore, solo in questo modo, infatti, è possibile individuare la migliore offerta per concludere i lavori. Ebbene, le singole fasi che dovrebbero caratterizzare i lavori di ristrutturazione sono le seguenti:

Contattare un progettista: per ottenere dei preventivi per ristrutturazione, la prima cosa da fare è contattare uno o più professionisti, tra architetti, geometri ed ingegneri al fine di ottenere tutte le informazioni per eseguire i lavori. In particolar modo, questo è un passaggio fondamentale per i lavori di manutenzione straordinaria, che necessitano di un progetto firmato da un tecnico abilitato ed iscritto ad un ordine professionale.

Eseguire i rilievi: il progetto viene abbozzato inizialmente sulla planimetria catastale. In questo modo, il professionista può comprendere i margini di intervento, nonché comprendere la fattibilità. Successivamente, è necessario realizzare un rilievo architettonico e fotografico, per redigere un progetto finito.

Redigere il progetto: il progettista redige poi un progetto definitivo in base ai rilievi, eventualmente consultandosi con altri professionisti come un termotecnico, al fine di valutare al meglio tutti gli aspetti.

Trovare le imprese: dopo aver ottenuto il progetto ed ulteriori documenti dal progettista, come il sovrapposto (elaborato metrico delle piante che evidenzia le strutture da demolire e quelle da costruire) ed il computo metrico, è possibile richiedere dei preventivi ristrutturazione a più imprese al fine di trovare quella alla quale affidare l’esecuzione dei lavori.

Fai da te oppure no?

Per ristrutturare casa, è possibile rivolgersi a professionisti oppure dedicarsi al fai da te. Tuttavia, questa soluzione è da preferirsi solo se si ha manualità e competenza, ed inoltre, solo se i lavori da fare non sono invasivi. Infatti, le ristrutturazioni definite “straordinarie”, che modificano gli edifici in maniera strutturale, richiedono dei permessi ed il soddisfacimento di alcuni requisiti tecnici. Pertanto, è preferibile richiedere il parere di un tecnico, al fine di non doversi ritrovare a pagare delle sanzioni. Ma quali sono le ristrutturazioni straordinarie? Questo termine indica tutti i lavori che modificano lo spazio, nonché la distribuzione interna ed esterna dell’edificio. In questo caso, si tratta di opere da dichiarare al comune. Invece, se le opere interessano anche solai, pareti esterne, muri portanti ecc., è fondamentale effettuare dei calcoli sismici.

commenta