Quantcast
Il pensiero

Ospedale di Sanremo, i ringraziamenti di un lettore al personale del reparto di ortopedia

«Sono stato accolto da un clima accogliente, una professionalità eccellente, una preparazione e un'attenzione al paziente esemplari»

Riviera24- ospedale Borea sanremo

Sanremo. Un lettore ci ha scritto per ringraziare pubblicamente il reparto di ortopedia dell’ospedale di Sanremo.

«A causa di incidente in moto avvenuto ad Imperia il 13 dicembre ho dovuto subire un intervento chirurgico al polso per frattura scomposta. Mio malgrado ho constatato di persona le difficoltà che oggi patiscono le strutture ospedaliere, i pronto soccorso e i vari reparti in particolare quelli dell’ospedale di Sanremo ancora una volta sotto pressione a causa del Covid. Il mio intervento chirurgico è stato possibile grazie alla pronta riorganizzazione del reparto di ortopedia, l’unico rimasto come reparto no Covid all’ospedale di Sanremo. Non nascondo il mio timore nelle entrare in quella struttura e nel vedere il personale sanitario e medico completamente protetto da tute, maschere, visiere, calzari e quanto necessario. Nonostante l’ansia ai massimi livelli appena entrato sono stato accolto da un clima accogliente, una professionalità eccellente, una preparazione e un’attenzione al paziente esemplari. La mia breve degenza di 4 giorni mi ha fatto riscontrare che nonostante le difficoltà possiamo contare su professionisti con la p maiuscola. Tutto diventa più difficile col Covid anche le situazioni in meno urgenti si complicano, figuriamoci quelle già complicate. È solo grazie alla serenità che il personale infonde ai pazienti che appena accolto in reparto ho riacquistato un po’ di tranquillità. Persone che assolutamente sanno quello che fanno e come lo fanno, consapevoli delle difficoltà ma anche delle strategie e contromisure da adottare in questo momento di pandemia. Con questo breve messaggio voglio ringraziare pubblicamente il reparto di ortopedia e traumatologia dell’Asl1 Imperiese in primis nella persona del suo primario dottor Luca Pandolfo, tutta la sua equipe chirurgica di medici, gli infermieri gli operatori socio sanitari i tecnici e quanti altri hanno lavorato per garantirmi cure adeguate. In questa vigilia di Natale non posso non pensare a tutti coloro che anche questa notte saranno un in turno per l’assistenza a persone più fragili, non solo negli ospedali ma in tutte le altre strutture sanitarie, socio-sanitarie e assistenziali. A loro voglio porgere i migliori auguri per il Santo Natale e per un sereno e felice anno nuovo» – scrive Luca De Felice.

commenta