Quantcast
Imperia, inaugurata la "passeggiata nel mare". E anche la Madonnina torna al suo posto - Riviera24
Altre news

Imperia, inaugurata la “passeggiata nel mare”. E anche la Madonnina torna al suo posto fotogallery

Un'opera da 6 milioni di euro e nelle settimane prossime prenderanno il via lavori e la definizione del Prino.

Imperia. Il sindaco Claudio Scajola ha inaugurato questo pomeriggio  la “passeggiata nel mare” sul molo lungo di Porto Maurizio. Una storia di recupero della tradizione imperiese, dove il molo diventa nuovamente fruibile al pubblico ed è messo in sicurezza.

Un recupero ottenuto con importanti fondi pari a 6 milioni di euro, come spiega il sindaco Scajola «Un molo che ha difeso il porto e la marina e che nel tempo è stato dannegiato dalle mareggiate. Attraverso fondi della Protezione Civile, della Presidenza del Consiglio e fra le priorità della Regione Liguria, con un finanziamento di oltre 6 milioni di euro abbiamo protetto questo molo mettendolo in sicurezza. Abbiamo voluto migliorarlo anche esteticamente e da oggi diventerà “la passeggiata nel mare” di Porto Maurizio. Sarà fruibile al pubblico, illuminato con effetti coreografici e nell’occasione si rimette anche la “Madonnina” al suo posto, dove era stata posizionata nel 1946».

Importante, come sottolinea il primo cittadino, la collaborazione con la Capitaneria di porto, in tutta la fase che vede ultimate le difese dal mare. Nelle prossime settimane  prenderanno invece il via i lavori e la definizione del Prino.

A spiegare la collocazione della Madonnina è l’asssesore Marcella Roggero: «Nel 1946 vennero eseguiti i lavori di recupero del mare dopo la seconda guerra mondiale. Capo del progetto era l’ingegner Marenco che, dopo aver avuto un brutto incidente a causa della nebbia, cadendo nelle acque del porto, venne salvato da un palombaro. Chiese all’allora comandate della Capitaneria di poter scavare una nicchia nel faro per mettere una Madonnina ex voto. L’originale è andata persa ma ne abbiamo messa una copia, con una targa che ne spiega la storia, sperando che possa benedire e portare fortuna alla nostra città».

 

commenta