Quantcast
Saluto romano

Consiglio comunale, Pastorino (Linea Condivisa): «Prefetto di Imperia intervenga sui gravi fatti accaduti a Ventimiglia»

«Abbiamo chiesta, una volta verificato che i fatti diffusi corrispondono al vero, di intervenire con il necessario rigore perché la nostra Costituzione non sia violata»

consiglio comunale saluto Isnardi ventimiglia

Ventimiglia. «E’ accaduto di nuovo, sul territorio della nostra regione, che un rappresentante delle istituzioni in un luogo deputato alla pratica della democrazia abbia offeso il Paese facendo a più riprese il saluto fascista. Abbiamo scritto al Prefetto di Imperia per appurare se quanto si legge e vede sui mezzi di comunicazione e concernente il fatto che ieri sera, durante una seduta del Consiglio comunale di Ventimiglia, un consigliere di Fratelli d’Italia ha fatto per ben due volte il saluto fascista venendo blandamente ripreso dal presidente del consiglio» – dichiara il Capogruppo di Linea Condivisa Gianni Pastorino.

«Quanto accaduto ieri sera “fa il paio” con i recenti fatti avvenuti a Cogoleto proprio il 27 gennaio, il giorno della Memoria. Abbiamo chiesto al signor Prefetto di Imperia di intervenire per appurare la veridicità e la gravità di quanto riportato con video e foto dai media e, una volta verificato che i fatti diffusi corrispondono al vero, di intervenire con il necessario rigore perché la nostra Costituzione non sia violata» – conclude il consigliere regionale Pastorino.

leggi anche
Saluto fascista in Consiglio comunale
Il commento
Saluto romano in Consiglio comunale a Ventimiglia, Pd provinciale: «Atti come questo non possono accadere nell’assise»
consiglio comunale saluto Isnardi ventimiglia
L'intervento
Saluto romano in Consiglio comunale, il circolo Pd di Ventimiglia: «Fatto grave ed inaccettabile»
saluto romano Isnardi ventimiglia
Botta e risposta
Saluto romano, scoppia la polemica a Ventimiglia. Isnardi si difende: «Non l’ho fatto»
saluto romano Isnardi ventimiglia
Il commento
Saluti romani nei Consigli comunali, Pd Liguria: «Chi li fa e chi li tollera si colloca fuori da democrazia»
commenta