Quantcast
Bussana, ristorante ostaggio del drive trough. Il titolare: «non riusciamo a lavorare» - Riviera24
Disagio

Bussana, ristorante ostaggio del drive trough. Il titolare: «non riusciamo a lavorare»

«E' una situazione in cui il comune di Sanremo poteva prestare maggiore attenzione e invece non abbiamo mai ricevuto nemmeno una telefonata».

Sanremo. Le code infinite al drive trough di Bussana non sono solo motivo di lamentela per chi è in attesa del tampone, ma stanno diventando un enorme problema per alcune attività. In particolare, il ristorante ImPEKabile che si trova esattamente a ridosso del parcheggio in cui è stato allestito il centro, risulta irraggiungibile da fornitori, clienti e dipendenti.

«Quando ci hanno informato che avrebbero posizionato il punto tamponi nel parcheggio di Bussana mare abbiamo accettato di buon grado perché al di là del fatto che sia una cosa necessaria, ci avevano garantito che il servizio e quindi le code, sarebbero terminate alle 11 del mattino. Invece accade spesso che la circolazione delle auto non sia possibile fino alle 15 del pomeriggio» commentano i titolari del ristorante.

A peggiorare la situazione il crollo della strada sull’altro lato di Bussana che causa l’inaccessibilità al locale, se non dalla pista ciclabile: una corsia ovviamente riservata a pochi. «Fin dal mattino si creano code chilometriche. Oggi il traffico parte dal parcheggio ed arriva fino all’entrata di Arma. I nostri dipendenti hanno difficoltà ad arrivare e allo stesso modo i fornitori. E’ quasi un mese che questa situazione si protrae e dal Comune di Sanremo non abbiamo mai ricevuto un segnale, né visto polizia municipale per monitorare il traffico. Gli unici che si stanno prodigando sono gli operatori di AMAIE Energia e in particolare un loro collaboratore che da questa mattina sta cercando di “aiutare” il traffico, ma non sarebbe loro compito» continuano i gestori.

Fino a inizio dicembre il centro tamponi si trovava nel centro di Sanremo ed è stato spostato a Bussana per evitare code e ingorghi: «Comprendiamo che le realtà siano diverse e che abbiano voluto tutelare i commercianti di Sanremo ma qui siamo tagliati fuori dal mondo. E come se non bastasse dobbiamo continuamente negare l’accesso a persone in coda che chiedono di utilizzare i nostri servizi igienici: anche volendo non possiamo. E’ una situazione in cui il comune di Sanremo poteva prestare maggiore attenzione e invece non abbiamo mai ricevuto nemmeno una telefonata».

Domani il centro dovrebbe essere sostato nella zona ferroviaria di Arma di Taggia, ma il disagio dei ristoratori è rimasto: «Fino ad ora non abbiamo detto nulla, ma se la situazione si fosse protratta avremmo dovuto chiudere per Capodanno, con tutte le conseguenze e disagi economici che questo avrebbe comportato».

commenta