Quantcast
Riva Ligure inaugura la statua dedicata a San Pio, patrono dei volontari della Protezione civile - Riviera24
Sabato 30 ottobre

Riva Ligure inaugura la statua dedicata a San Pio, patrono dei volontari della Protezione civile

La celebrazione si svolgerà alle 11 presso la chiesa della Resurrezione in zona Prati

Chiesa della Resurrezione Riva Ligure

Riva Ligure. Sabato 30 ottobre a Riva Ligure verrà inaugurata la statua di San Pio da Pietrelcina. La celebrazione si svolgerà alle 11 presso la chiesa della Resurrezione in zona Prati. Una giornata di festa per l’associazione volontaria di Protezione Civile – Antincendi Boschivi Valli Argentina – Armea che, insieme a tutti i cittadini rivesi, potrà venerare la statua dedicata al Santo Frate, patrono dal 2004 dei volontari della Protezione Civile. La scultura, realizzata a San Giovanni Rotondo, è stata collocata nei pressi della Chiesa della Resurrezione all’interno di un’aiuola realizzata dai volontari della Protezione Civile Valli Argentina – Armea.

Chiesa della Resurrezione Riva Ligure

«Vorremmo che fosse l’inizio di un giorno di festa dedicato alla nostra associazione e a San Pio, la prima ricorrenza di un’occasione per riflettere sull’importanza del volontariato» – afferma Francesca Parisi, responsabile della Protezione civile – Antincendi Boschivi Valli Argentina – Armea. La squadra della Protezione Civile Valli Argentina – Armea è formata ad oggi da 21 volontari, uomini e donne di tutte le età, provenienti da Sanremo, Taggia, Riva Ligure e Santo Stefano al Mare. Un gruppo pronto a scendere in campo nei momenti più difficili, dalle calamità naturali alla pandemia che guarda al futuro sperando nell’arrivo di nuove adesioni.

«Il volontariato è una risorsa fondamentale per il nostro territorio da sostenere e far crescere. La cerimonia in programma sabato sarà anche un modo per ringraziare tutti gli operatori della Protezione Civile sempre pronti a scendere gratuitamente in campo con coraggio e grande umanità per il prossimo» – conclude il sindaco di Riva Ligure, Giorgio Giuffra.

commenta