Quantcast
“pesca della zucchetta”

Imperia, Ineja sostiene la “Casa Famiglia Pollicino”

L'associazione ha ricevuto un bonus del valore di 1.000,00 euro

Ineja e Casa Ffamiglia Pollicino

Imperia. La Festa di San Giovanni riproposta nel recente mese di giugno nel suo format tradizionale dall’omonimo Comitato (gastronomia cucina mediterranea, proposte ed eventi musicali, intrattenimento, spettacoli, animazione per i più piccoli, MercantIneja, storia e tradizioni locali), dopo la forzata pausa del 2020, riesce ancora oggi ad essere protagonista di un altro evento a favore della collettività imperiese. Quest’anno è ritornata la “pesca di beneficenza”, meglio conosciuta come “pesca della zucchetta”, accolta con soddisfacente partecipazione dai visitatori ed ospiti della festa che ha consentito al Comitato di effettuare una donazione ad una delle realtà associative più attive e conosciute nell’ambito del tessuto cittadino che si occupa di assistenza, associazionismo e solidarietà.

Ineja e Casa Ffamiglia Pollicino

A beneficiare di questa nuova iniziativa targata “Ineja Sostiene”, che si ripete ogni anno dal 1982 grazie al lavoro e contributo di tanti amici (soci, privati, commercianti, imprenditori) è oggi l’associazione “Casa Famiglia Pollicino” che in questi giorni ha ricevuto un bonus del valore di euro 1.000,00 (rappresentato simbolicamente da un assegno di pari importo), da utilizzare per l’acquisto di generi alimentari presso il Supermercato Conad di Galleria Isnardi.

Ineja e Casa Ffamiglia Pollicino

All’incontro hanno presenziato per il Comitato San Giovanni i due vice presidenti Mario Martino e Nino Francesco Corbeddu e per l’ente beneficiario il presidente Nazzareno Coppola accompagnato dalla moglie Ileana.

Ineja e Casa Ffamiglia Pollicino

Dice Annamaria Belfiore, responsabile da tempo della pesca di beneficenza: «Anche quest’anno, nonostante le difficoltà e le restrizioni legate al Covid-19 siamo riusciti a concretizzare questo nuovo intervento che fa parte della storia e della cultura della nostra associazione, ancora un grazie a tutti coloro che hanno sostenuto direttamente e collaborato alla migliore riuscita dell’iniziativa: al gruppo dei nostri volontari che sono stati al mio fianco e a tutti gli amici ( e sono tanti ! ) che hanno arricchito con le loro donazioni il monte premi che, ogni sera, venivano estratti dai fortunati partecipanti. Tra qualche mese inizierà, speriamo in un clima di maggiori aperture, la programmazione della festa 2022 e noi ci saremo, per offrire momenti di svago, serenità, buona cucina e soprattutto solidarietà».

commenta