Quantcast
Il Roca Team cede di fronte alla difesa del Baskonia - Riviera24
Pallacanestro

Il Roca Team cede di fronte alla difesa del Baskonia

Non bastano James e Andjusic, super Fontecchio tra i baschi

Principato di Monaco. La trasferta in terra basca, a Vitoria, in quella Fernando Buesa Arena che è la casa del Baskonia ha detto male al Roca Team, che ha fornito per la prima volta in questa Eurolega una prestazione sottotono, e al di là del punteggio di 78 a 66 non è mai riuscito ad indirizzare la partita dalla sua parte.

Come ha giustamente detto coach Mitrovic, il Baskonia ci ha messo più voglia, più energia, e una difesa di alto livello, che ha concesso molto poco all’attacco monegasco e nei momenti decisivi ha forzato ad esempio due palle perse di Westermann che hanno ancor di più segnato la partita.

Fin dall’inizio, almeno per un osservatore esperto, lo svolgimento del match è stato chiaro, con il Baskonia in pieno ritmo ed il Roca Team che inseguiva affannosamente e provando ad invertire la corrente affidandosi ai suoi solisti; arma molto rischiosa, come sempre in questi casi.

Tra i baschi in grande evidenza l’italiano Simone Fontecchio, 20 punti, 7 rimbalzi ed un impatto devastante nel primo tempo, quando il team di casa ha costruito e poi consolidato il vantaggio sul quale si è poi garantito la vittoria, che nel secondo tempo ha gestito con calma il gioco ed anche il risultato.

Sempre rimanendo nel discorso dei singoli, a metà secondo quarto coach Mitrovic ha provato l’arma dell’esperienza, mettendo in campo un quintetto James, Westermann, Andjusic, Thomas e Motiejunas che però, nonostante tutto non è riuscito a cambiare le sorti della partita.

Lo stesso Mike James, miglior marcatore dei monegaschi con 18 punti ha però avuto 1/9 da tre, più un solo assist, segno evidente del fatto che tante volte è stato costretto a forzature nei momenti finali dell’azione, quando la pressione difensiva dei baschi obbligava il Roca Team a tiri fuori ritmo e fuori equilibrio.

E che la gara fosse di difficile interpretazione si può vedere anche dalle prestazioni insufficienti offerte da alcuni giocatori, Donta HALL su tutti, che finora avevano invece molto ben impressionato giocando sempre partite solide ed energiche. Ma questo, tutto quanto accaduto ieri sera non può stravolgere il giudizio largamente positivo sull’inizio di Eurolega dei monegaschi, e va inquadrato in un ragionamento più ampio, ma anche molto semplice.

Giocare la più importante e difficile competizione europea, e contemporaneamente giocare il campionato francese, che ricordiamo è quello che esprime la Nazionale vice campione olimpica è un impegno veramente grande, che obbliga a partite ogni 3 o 3 giorni, a viaggi e trasferte lunghe e con cambi di fuso orario: le stesse problematiche che si hanno in NBA, per essere chiari.

E pertanto è possibile avere alcuni passaggi a vuoto, partite in cui magari le energie sono scarse ed a volte nemmeno il singolo fuoriclasse riesce a rimettere le cose a posto; succede a tutti, le stesse Milano e Barcellona, imbattute in testa alla classifica hanno avuto momenti di vuoto, interi quarti di amnesia cestistica, che solo un esperienza ed un roster quasi senza limiti riescono a gestire quasi sempre al meglio.

Per questo il passaggio a vuoto in terra basca deve essere valutato come una normale fase calante all’interno di una stagione probante, ed un momento anche di crescita per un organizzazione che, ricordiamolo, si affaccia per la prima volta ad una competizione così importante ed esigente e lo sta facendo in maniera assolutamente positiva, secondo anche il giudizio della critica internazionale.

Importante non perdere concentrazione e coesione, perché nel doppio turno di settimana prossima arriveranno alla Salle Gaston Médecin prima la Stella Rossa di Belgrado, temibile squadra serba, e poi il CSKA Mosca, una volta conosciuta col nome di Armata Rossa, da sempre nell’elite del basket mondiale ed immancabilmente tra le favorite di ogni stagione : questa è l’Eurolega, una sfida continua che bisogna sempre raccogliere ed onorare.

Marco Ghisalberti – Streambasket
Segui l’Eurolega su www.streambasket.com

commenta