Quantcast
Turismo

Presentata a Imperia DMO, società per la gestione turistica del territorio

Nuova società per nuove iniziative a favore del turismo in provincia di Imperia

Imperia. Alla presenza di Enrico Lupi, Presidente CCIAA “Riviere di Liguria”; Marco Benedetti, Amministratore unico della DMO e Gianni Berrino, Assessore regionale al turismo e, in collegamento via web, il segretario generale della Camera di commercio, Marco Casarino, è stata presentata oggi nella Sala Consiglio della CCIAA di Imperia la DMO, nuova società per la gestione della strategia turistica del territorio ligure.

Le attività della DMO (Destination Management Organization, società senza scopo di lucro) saranno dedicate alla promozione turistica dell’intero territorio della provincia d’Imperia, creando sinergia tra la nuova società consortile e tutti i comuni, sia costieri, sia dell’entroterra, organizzando una strategia di gestione coordinata.

La neonata DMO predisporrà un programma d’interventi non solo per promuovere il Ponente ligure, ma anche e soprattutto per rilanciare lo storico marchio “Riviera dei Fiori”, ormai ultrasettantennale!

Nel dare il benvenuto agli intervenuti in sala, tra i quali Ezio Formosa, presidente Confcommercio Bordighera; Marco Sarlo, responsabile Confindustria per il turismo; Claudio Roggero, presidente Consorzio Turistico Riviera dei fiori, e Igor Varnero, presidente del Consorzio Turistico Riviera dei fiori, il presidente Lupi ha affermato: <<La Camera di commercio di Imperia metterà a disposizione uffici, attrezzature e personale; crediamo tantissimo in questo nuovo progetto e siamo certi che sarà portato avanti con successo. La presenza dell’assessore regionale Gianni Berrino è importante per portare avanti una promozione complessiva e creare un unicum con la regione, che ci permetterà di unire le forzee e ottenere i migliori risultati>>.

I successivi interventi di Benedetti e Berrino hanno rinforzato l’apprezzamento per l’eccezionale stagione estiva appena trascorsa e l’intento di ottenere nel 2022, ma ancora di più dal 2023, numeri se possibile maggiori, grazie al confronto con tutti i comuni, dai quali consigli e suggerimenti saranno accolti da DMO attenzione e interesse.

commenta