Quantcast
La piccola Amal è arrivata a Sanremo, prima balla in passeggiata poi gran finale a Villa Ormond - Riviera24
L'evento

La piccola Amal è arrivata a Sanremo, prima balla in passeggiata poi gran finale a Villa Ormond fotogallery

La marionetta alta 3 metri e mezzo, partita da Roma in direzione Londra, benedetta da papa Francesco perché simbolo dei bambini rifugiati in fuga dalla guerra

Sanremo. E’ arrivata nella Città dei Fiori la “piccola Amal”. E’ la marionetta alta 3 metri e mezzo, partita da Roma in direzione Londra, benedetta da papa Francesco perché simbolo dei bambini rifugiati in fuga dalla guerra. L’evento si chiama “The Walk” ed Amal, dopo una sfilata sulla passeggiata Imperatrice, è attesa per le 19.30 a Villa Ormond per la manifestazione finale.

La villa si conferma quindi palco naturale delle postazioni in cui si esibiranno diversi artisti provenienti da tutto il mondo. Un “percorso sensoriale” che accompagnerà il visitatore alla scoperta di uno dei parchi più rappresentativi d’Italia. L’Accademia di Belle Arti di Sanremo con i suoi studenti hanno realizzato 12 manichini, collegati da un percorso volto ad evidenziare come bellezza e arte possano legarsi nella creazione di un vero e proprio filo conduttore. L’itinerario proposto al visitatore sarà ben evidenziato anche grazie all’uso della tecnologia. L’interazione con il pubblico verrà garantita da Qrcode collocati su ogni “Venere”.

Nel piazzale antistante la storica villa sarà allestita una mostra fotografica dal titolo “Gli occhi di Kabul” con opere del reporter di Riviera24.it Jacopo Gugliotta: immagini dei bambini afgani giunti nelle notti delle scorse settimane a Sanremo, al culmine dell’esodo che li ha visti fuggire dal ritorno al potere in Afghanistan dei talebani. Insieme agli scatti dei rifugiati, saranno esposte alcune foto tratte dal progetto di Gugliotta “Il muro invisibile”, testimonianza dell’emergenza migranti a Ventimiglia. Le foto potranno essere acquistate per beneficenza. L’intero ricavato verrà devoluto alla Caritas di Sanremo in forma di borsa di studio destinata ad una giovane rifugiata.

Le performance artistiche, che si terranno in sequenza, curate dall’associazione Adventurers e dalla società cooperativa Dem’Art, avranno luogo nelle tre principali location del parco: l’area prativa prospiciente la statua della Primavera, la Palazzina Pedriali (straordinaria serra edificata negli anni ’30) e il piazzale della stessa villa.

Più informazioni
commenta