Quantcast

Implantologia a carico immediato, ne parliamo con il dentista sanremese Simone Marazzi

È la soluzione più vantaggiosa per i pazienti che presentano un’avanzata carenza ossea o assenza totale o parziale di denti, risolvibile in una sola seduta con invasività minima

Sanremo. Ti hanno detto che hai poco osso? Non puoi avere i denti fissi? Per te c’è una soluzione: l’implantologia a carico immediato. Ce ne parla in maniera approfondita il dentista sanremese Simone Marazzi, che esercita l’attività polispecialistica dal 2001 con particolare interesse verso la protesi e implantologia.

Riviera24- Simone Marazzi

Che cos’è l’implantologia pterigoidea e zigomatica? «Si tratta di una speciale tecnica implantologica che permette di riabilitare con una protesi fissa l’arcata superiore in pazienti che presentano un’avanzata carenza ossea o assenza totale o parziale di denti – spiega il dottor Marazzi – . In presenza di osso mascellare gravemente riassorbito, dove non è possibile inserire impianti standard, gli impianti pterigoidei e zigomatici, che si ancorano direttamente nell’osso pterigoideo e zigomatico, permettono al paziente di ottenere denti fissi in poche ore e senza particolari traumi, proprio come avviene per l’implantologia a carico immediato»

Quando è indicata? «L’implantologia pterigoidea/zigomatica è indicata particolarmente in tutti quei soggetti edentuli che presentano elevati livelli di atrofia dell’osso mascellare e quindi non hanno sufficiente disponibilità ossea per poter eseguire gli impianti tradizionali. Generalmente vengono sottoposti a questo trattamento pazienti portatori di protesi totale rimovibile (dentiera) con conseguente atrofia ossea, pazienti affetti da grave malattia parodontale che presentano una carenza ossea importante e pazienti con pregressi fallimenti implantari».

«Gli impianti pterigoidei e zigomatici possono considerarsi un’efficace alternativa all’innesto osseo – prosegue il dottore – . Consentono di evitare che il paziente si sottoponga al prelievo di eventuale materiale osseo autologo e quindi anche ai punti di sutura e ad un’attesa più lunga per avere una protesi fissa».

Quali sono i vantaggi? «Gli impianti pterigoidei e zigomatici in casi di grave atrofia ossea hanno enormi vantaggi per il paziente: Invasività minima, la problematica viene risolta in una sola seduta chirurgica, tempi ridotti ed elevato comfort funzionale ed estetico, alte probabilità di successo, disagio post operatorio estremamente contenuto, evita gli innesti (materiali del commercio o osso prelevato da altre zone del corpo)», conclude il dottor Marazzi.

Lo studio del dottor Simone Marazzi si trova a Sanremo in via Martiri della Libertà 18. Per informazioni visitare il sito www.studiodentisticomarazzi.com, scrivere una mail a studiodottmarazzi@gmail.com o chiamare il numero 0184 577424.

Riviera24- Simone Marazzi