Quantcast
La manifestazione

Emergenza migranti, una folla di ventimigliesi in piazza per chiedere più sicurezza fotogallery

Presente anche il sindaco Gaetano Scullino

Ventimiglia. Una città più sicura e decorosa, dove non avere timore di camminare per strada. É quanto chiedono i cittadini ventimigliesi, scesi quest’oggi in piazza del Comune per manifestare contro il clima di paura che si respira in città ormai da mesi a causa dell’emergenza migranti.

Numerosi gli episodi di microcriminalità, tra cui furti e risse, che si sono verificati nella città di confine negli ultimi tempi e che sono stati prontamente segnalati dalle forze dell’ordine e dal sindaco Gaetano Scullino al Prefetto di Imperia, ma la situazione risulta al momento invariata, nonostante il primo cittadino abbia più spesso invocato un “intervento massiccio risolutivo”.

Dopo l’aggressione ai danni di una mamma, minacciata con un coltello da un malvivente per farsi consegnare dei soldi, proprio gli abitanti della città di confine hanno deciso di reagire, dando via al gruppo WhatsApp “S.O.S. Ventimiglia” che mira ad offrire un servizio di accompagnamento a coloro che devono rientrare a casa di sera tardi e non si sentono tranquilli.

«Abbiamo scelto il centro città per dire a tutti che siamo stanchi di questa mancanza di sicurezza della città, abbiamo paura, vogliamo essere liberi ed essere sicuri, è quello che chiediamo», ha dichiarato Gigliola Coppo, organizzatrice della manifestazione.

«Noi non ce l’abbiamo con i migranti – ha dichiarato Rosanna Manca – , questo è un fenomeno che stiamo già gestendo da qualche anno, da quando hanno chiuso il centro non va bene, ce li troviamo per strada, devono essere presi dei provvedimenti. Noi ce l’abbiamo con gli ultimi arrivati a Ventimiglia in questo anno che sono delinquenti e non migranti. Siamo arrabbiati perché la sera non siamo più liberi di uscire di casa».

Categoria più colpita da questa situazione è senz’altro quella dei commercianti, per i quali lavorare è diventato un vero e proprio inferno: «Siamo in una situazione ormai fuori controllo – ha dichiarato Dario Trucchi, presidente di Confcommercio Ventimiglia – . Abbiamo qui la rappresentanza di molti commercianti tra cui donne che lamentano il discorso della pericolosità quando chiudono il negozio e si trovano da sole. É frustrante perché la situazione è al di là dei limiti, speriamo questo sia un primo passo per risolvere la situazione cittadina».

«Di questa situazione avevo già avvertito Prefetto, Questore e forze dell’ordine per cercare una soluzione, li avevo avvisati che la popolazione sarebbe scesa in piazza ed eccoci qua – ha dichiarato il primo cittadino Scullino – . Non possiamo continuare in questo modo. Le nostre mogli e figlie hanno paura e sono preoccupate. Noi faremo la nostra parte, ma qualcun altro deve fare la sua, speriamo che il nuovo Prefetto prenda atto di questa manifestazione. La città deve continuare a vivere, essere pulita, sicura e senza bivacchi». 

leggi anche
Riviera24- S.O.S. Ventimiglia
L'idea
“S.O.S. Ventimiglia”, nasce il gruppo WhatsApp che aiuta a tornare a casa di sera senza paura
commenta