Quantcast
L'indagine

Coronavirus, speranza di vita alla nascita: nell’Imperiese cala di 1 anno e mezzo

Lo rileva l’Istat nel rapporto “Misure del benessere equo e sostenibile dei territori”

Riviera24- anziano nonno generica

Imperia. L’avvento del Covid-19 e la spaventosa scia di decessi che la pandemia ha lasciato dietro di sé hanno bloccato la crescita della speranza di vita alla nascita in Italia, un dato in costante aumento sino al 2019, soprattutto nelle zone del Bel Paese in cui si è verificata la più alta diffusione del virus.

Lo rileva l’Istat nel rapporto “Misure del benessere equo e sostenibile dei territori” basato sugli incidi demografici del 2020, affermando: “Per effetto del forte aumento del rischio di mortalità, specie in alcune aree e per alcune fasce d’età, la sopravvivenza media nel corso del 2020 appare in decisa contrazione”. Il dato è stato ottenuto prendendo in esame i seguenti indicatori: salute, istruzione, paesaggio, ambiente, innovazione e qualità dei servizi.

Oltre 4.300 i morti in Liguria dall’inizio dell’epidemia, un numero spaventoso che ha portato la speranza di vita a subire un calo: se nel 2012 in regione era di 80,8 anni, nel 2020 è scesa a 79,2 anni.

Anche la provincia di Imperia è stata profondamente segnata dalla situazione sanitaria attualmente in corso: per le donne si è passati da una speranza di vita di 82,7 anni a 81,4. Più significativo il calo prendendo in considerazione il genere maschile; la speranza di vita degli uomini è passata da 80,3 anni per gli uomini nel 2019 ai 78,6 anni nel 2020.

Si tratta di cali superiori alla media nazionale che si attesta a 82 anni, 79,7 per gli uomini e 84,4 per le donne, con un calo di 1 anno e 2 mesi: in Liguria e nell’Imperiese si registra infatti un calo di un anno e sei mesi.

commenta