Quantcast

Casa Serena, salta l’accordo sindaco-proprietà. Comune pronto alla revoca foto

Il primo cittadino: «Venerdì incontro con il prefetto. La linea sarà quella dettata in consiglio comunale»

Sanremo. Accordo tra sindaco Biancheri e nuova proprietà di Casa Serena per la salvaguardia dei lavoratori licenziati: salta tutto. E’ questo il dato di fatto emerso oggi pomeriggio dall’incontro avuto tra i sindacati e i responsabili di MyHome Srl e cooperativa Euroassistance, dal 1° di settembre nuovi gestori della ex casa di riposo municipale di Poggio.

casa serena

Infuriati all’uscita del tavolo delle trattative i segretari territoriali di Cgil, Cisl e Uil: «Siamo molto arrabbiati, tante parole, niente fatti, – spiegano Petrini, Speranza, Scialanca e Giacovelli (Uil-Trasporti). Gli impegni presi davanti al sindaco di Sanremo sono stati disattesi. Non ci aspettavamo una presa in giro di questo genere. Venerdì chiederemo al prefetto di revocare il mandato a questa società perché non ci sono i presupposti e le professionalità per garantire il servizio. Il signor Maniscalco (responsabile di MyHome e Euroassitance, ndr), aveva firmato di fronte al sindaco un accordo che riportava le trattative al 31 di agosto: tutti i dipendenti sarebbero dovuti passare alla nuova cooperativa e poi si sarebbe valutata l’attivazione dei più opportuni ammortizzatori sociali. Invece qui non si vogliono rispettare neanche le norme previste dai contratti collettivi».

«Valuteremo nelle prossime ore la situazione in attesa dell’incontro che si terrà venerdì con il prefetto. Quanto da me dichiarato nel corso dell’ultimo consiglio comunale su Casa Serena era e rimane la linea dell’amministrazione», commenta così i fatti odierni il primo cittadino Alberto Biancheri. «Quella del sindaco era una promessa irrealizzabile, di cui politicamente dovrà risponderne. Domani alle 15 incontrerò il segretario comunale per parlare della revoca dell’affidamento», fa sapere il capogruppo della Lega in consiglio comunale Daniele Ventimiglia.