Quantcast
L'intervento

“Capacità amministrativa”, Fratelli d’Italia: «Il Comune di Imperia è tra i peggiori d’Italia»

«Sicuramente la colpa di questo risultato scadente verrà addossata alle precedenti Amministrazioni»

comune Imperia

Imperia. «E’ passata sotto traccia la notizia che il Comune di Imperia è tra i peggiori d’Italia per quanto riguarda la “Capacità Amministrativa”, ovvero (definizione OCSE) “l’abilità di eseguire le funzioni, risolvere i problemi, fissare e raggiungere gli obiettivi”. L’importante “Fondazione Etica”, tra i quali partner compare l’università Luiss, ha stabilito una serie di criteri, non empirici ma basati sui dati che ogni Pubblica Amministrazione ha l’obbligo di pubblicare per la trasparenza amministrativa. I parametri che compongono la “Capacità Amministrativa”, sui quali la Fondazione Etica ha elaborato la propria analisi, creata su dati, ribadiamo, forniti dagli stessi Comuni italiani, sono: Bilancio – Governance – Personale – Servizi – Appalti – Ambiente» – fa sapere Fratelli d’Italia – Circolo della città di Imperia.

«Su un massimo di 100 punti il Comune di Imperia ne ottiene 38, ovvero gravemente insufficiente. I lavori “di facciata”, i migliaia di post autoreferenziali sui social, la “claque” dei “fans a prescindere” del sindaco Scajola, il “battage mediatico” non riescono più a nascondere una situazione grave in tutti gli assets strategici di Palazzo Civico. Meglio parlare delle antenne dei Pini del Rosso (sembrano comparse tutte ieri) per interferire nelle campagne elettorali altrui, piuttosto che parlare del tubo di mandata del depuratore che, nonostante siano passati mesi, è ancora lì che sversa liquami o dell’arrivo delle cartelle della Tari che, come già evidenziato, sono un salasso per i cittadini imperiesi. Meglio parlare dello “stucco e pittura” dei portici, piuttosto che dei buchi negli asfalti in tutto il Comune di Imperia. Meglio accusare i commercianti di essere “speculatori” grazie al Covid, piuttosto che parlare della manutenzione della città. Meglio accusare l’assessore regionale ai Trasporti Gianni Berrino che fare un mea culpa sui debiti pregressi di Rt» – dice Fratelli d’Italia – Circolo della città di Imperia.

«Sicuramente la colpa di questo risultato scadente, verrà addossata alle precedenti Amministrazioni: verremo accusati di populismo perché spesso diciamo cose che, in un paese normale, sarebbero ovvie, ma ovvie a Imperia non sono» – conclude Fratelli d’Italia – Circolo della città di Imperia.

Più informazioni
commenta