Quantcast

Cervo, Roberto Vecchioni porta la musica d’autore sul sagrato dei Corallini foto

Sarà accompagnato alla chitarra da Massimo Germini

Cervo. Lo aveva promesso nel gennaio 2018, quando fu ospite all’Oratorio di Santa Caterina, accolto dal pubblico in veste di scrittore per la rassegna Cervo in Blu d’Inchiostro. «Tornerò per un concerto», aveva chiuso così l’incontro Roberto Vecchioni. Venerdì 6 agosto alle 21.30 la piazza dei Corallini si riempie di “Musica e parole” con la consueta magia e suggestione grazie a un concerto speciale che vedrà protagonista proprio “il professor” Roberto Vecchioni, uno tra i più celebri, affermati e riconosciuti interpreti della canzone d’autore italiana, accompagnato alla chitarra da Massimo Germini.

Un evento dedicato alla musica cantautorale, che conferma anche per l’edizione 2021 del Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo l’intenzione di aprirsi a contaminazioni culturali e ampliare così la propria offerta. Lo spettacolo “Musica e parole” con Roberto Vecchioni è frutto della collaborazione con il Club Tenco che organizza dagli anni Settanta la Rassegna della canzone d’autore a Sanremo, città dove è stato fondato da Amilcare Rambaldi, e che ogni anno promuove le Targhe Tenco, attribuite dai giornalisti di settore a cantautori e album meritevoli.

Roberto Vecchioni

Professore, scrittore, cantautore: di parole Roberto Vecchioni ne ha sempre condivise molte, con il suo pubblico accorso ad ascoltarlo e con il pubblico, forse ancora più numeroso, dei suoi studenti di liceo e poi dell’università, ai quali ha insegnato ad apprezzare i classici greci e latini. In questa sua doppia veste, di cantante e professore, Vecchioni ha saputo forgiare un linguaggio accattivante, con toni che si fanno a volte teneri, a volte struggenti e in qualche caso graffianti. I due mestieri hanno finito poi per intrecciarsi, e non poteva forse che essere così: non a caso Vecchioni ai suoi ragazzi, e ai più giovani in particolare, ha dedicato molte bellissime canzoni. “Musica e parole” è uno spettacolo che accoglie entrambe queste dimensioni, unendole e intrecciandone percorsi, suggestioni, visioni del mondo. Vecchioni porta nella speciale cornice della piazza dei Corallini la magia di un incontro musicale. Accompagnato dal chitarrista Massimo Germini, proporrà alcune canzoni dal suo repertorio, tra creatività e profondità, raccontando il suo percorso a zig zag tra musica e parole.

Il Festival di Cervo sarà anche un’occasione per scoprire il borgo: in occasione delle serate di musica, il Polo museale del Castello dei Clavesana resterà aperto e visitabile dalle 16 alle 23. Con il concerto del 30 luglio ha preso avvio il progetto scuole 2021, grazie al quale una “troupe” formata da allievi del liceo Vieusseux di Imperia, già formati in attività didattiche con i docenti durante l’anno scolastico e con il supporto dello staff comunicazione del Festival, intervisteranno alcuni degli artisti protagonisti dando vita a un format che sarà condiviso online.

Il Festival di Cervo aderisce alla campagna #IoVivoLaSclerosiMultipla ospitando, per tutte le serate di spettacolo del 2021, l’iniziativa “Siamo sicuri di sapere cosa sia la sclerosi multipla?”, che con approccio inclusivo, ironico e leggero si rivolge alle nuove generazioni per contribuire a diffondere informazioni su una malattia apparentemente conosciuta, ma che nasconde ancora diverse zone d’ombra. Promossa dall’omonima associazione capitanata dalle giovani Federica Frazzitta e Chiara Generini, l’iniziativa ha già toccato Firenze e Milano con un positivo riscontro di pubblico e giunge ora a Cervo in occasione del Festival Internazionale di Musica da Camera.

Durante le serate del 58esimo Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo, all’Oratorio di Santa Caterina, sede della biglietteria e del concerto in doppia replica del 22 agosto, sarà allestito un percorso per immagini dove saranno protagonisti gli scatti del maestro Settimio Benedusi, grandi ritratti in bianco e nero che raccontano testimonianze di vita vera. La campagna punta a diventare un fenomeno virale attraverso una diretta provocazione rivolta al pubblico per incentivare la conoscenza della patologia e, aiutandone la condivisione, migliorare così anche lo stile di vita di chi vive quotidianamente la malattia con messaggi di fiducia e positività.

Il Festival 2021:
– 16 luglio 2021: Quintetto d’Archi dei Berliner Philharmoniker (doppia replica)
– 23 luglio 2021: Rosario Bonaccorso Quartet feat. Emanuele Cisi (doppia replica)
– 27 luglio 2021: Diego Campagna – chitarra, Archi all’Opera
– 30 luglio 2021: Andrea Obiso – violino, Mario Montore – pianoforte
– 1 agosto 2021: Coro G, Carlo Pavese – direttore
– 3 agosto 2021: Chi Ho Han – pianoforte: “All about Chopin”
– 6 agosto 2021: Roberto Vecchioni presenta “Musica e Parole”
– 10 agosto 2021: Sergey Tanin – pianoforte
– 13 agosto 2021: Corto Maltese – Una ballata del mare salato (doppia replica)
– 20 agosto 2021: Tommaso Perazzo Trio, Fabrizio Bosso (doppia replica)
– 22 agosto 2021: Marco Norzi, Luca Magariello, Cecilia Novarino (doppia replica)
– 24 agosto 2021: Casal Quartett
– 27 agosto 2021: Cesare Chiacchiaretta, Quintetto d’archi dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo

Il Festival di Cervo si svolge dal oltre cinquant’anni sul Sagrato dei Corallini. Il borgo ospiterà dal 16 luglio al 27 agosto tredici serate e diciotto concerti, accompagnati da una serie di iniziative collaterali che permetteranno di scoprirne gli angoli segreti. Gli spettacoli del Festival si terranno sulla Piazza dei Corallini. Per il secondo anno successivo la platea sarà ridotta a causa delle misure legate all’emergenza sanitaria ma, garantendo la piena sicurezza per tutti, alcune serate del Festival avranno una doppia replica a orario distanziato, così da permettere l’afflusso di un pubblico più ampio.

Il Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo è realizzato con il contributo di Ministero della Cultura, Regione Liguria, Camera di Commercio Riviere di Liguria, Confindustria Imperia, con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando VIVA. Sostegno all’offerta culturale estiva nei territori e con il patrocinio e supporto della Provincia di Imperia. Il Festival è parte della rete di Performing +  progetto di Fondazione Compagnia di San Paolo e Fondazione Piemonte dal Vivo in collaborazione con Osservatorio Culturale del Piemonte  per il rafforzamento delle competenze  – in ottica di sviluppo sostenibile  –  di una comunità di enti di spettacolo dal vivo operanti in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Si ringraziano gli sponsor: Fratelli Carli Spa; Rossini Immobiliare Spa; Il Giardino dell’Edilizia.

In ottemperanza alle nuove disposizioni governative (DL n° 105 del 23 luglio 2021), dal 6 agosto 2021 l’accesso agli spettacoli aperti al pubblico (incluso il Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo) è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di:
– Certificazione verde Covid-19;
– oppure attestato di vaccinazione di almeno una dose somministrata da almeno due settimane;
– oppure risultato negativo di un tampone effettuato nelle 48 ore precedenti
– oppure certificato di avvenuta guarigione da Covid-19 non anteriore a 6 mesi.
Il personale preposto, oltre alle certificazioni digitali o cartacee, chiederà anche l’esibizione di un documento di identità. La certificazione non è richiesta per i bambini sotto i 12 anni e per i soggetti esentati con idonea certificazione medica. I biglietti di tutti gli spettacoli del Festival sono acquistabili su www.cervofestival.com. Il concerto di Roberto Vecchioni del 6 agosto è sold out.

Il Festival osserva scrupolosamente tutte le indicazioni per il contenimento della diffusione del coronavirus suggerite dalle autorità sanitarie. Prima di entrare in sala gli spettatori, anche chi ha acquistato il proprio biglietto attraverso la prevendita online, devono registrarsi in un apposito registro presenze, che sarà conservato per due settimane. La registrazione avverrà presso la biglietteria del Festival, presso l’Oratorio di Santa Caterina in Via Multedo. Per semplificare le procedure di accreditamento degli spettatori, lo staff organizzativo richiede al pubblico di presentarsi al botteghino con la certificazione compilata e firmata, scaricabile dal sito web del Festival. La compilazione dell’autocertificazione è richiesta anche agli spettatori che hanno acquistato i biglietti in prevendita.

Anche quest’anno, il servizio navetta per raggiungere i concerti del Festival di Cervo non sarà effettuato per motivi di sicurezza. Si potrà usufruire, comunque del posteggio gratuito in Via Steria, con ampia disponibilità di spazi. Il parcheggio è facilmente raggiungibile in auto e opportunamente segnalato. Il percorso, a piedi, dal posteggio alla Piazza dei Corallini e all’Oratorio è di circa 15 minuti.