Quantcast
L'esperienza

Avvicinamento al cavallo e fattoria didattica, progetto di integrazione a Camporosso

Grazie al sostegno di fondi regionali destinati al terzo settore per favorire attività di promozione del tempo libero per le persone con disabilità

Camporosso. Nei mesi di luglio e agosto, il Comune di Camporosso, con la regia della Spes di Ventimiglia, grazie anche al sostegno di fondi regionali destinati al terzo settore per favorire attività di promozione del tempo libero per le persone con disabilità, ha promosso un’esperienza, unica nel suo genere, di integrazione tra bambini delle scuole primarie e persone disabili seguite dall’associazione Spes, in ambito di fattoria didattica.

Spes di Ventimiglia a Camporosso

Il percorso nasce dalla storica collaborazione tra Amministrazione comunale di Camporosso con Spes, Scuola di Pace Ets ed Istituto Comprensivo “Val Nervia” nella realizzazione di interventi mirati all’integrazione tra scuola e territorio, promozione delle autonomie delle persone disabili e sostegno alle loro famiglie.

Spes di Ventimiglia a Camporosso

A parere di genitori, insegnanti ed educatori, l’esperienza ha raggiunto gli obiettivi preposti: si è creata una splendida armonia tra i partecipanti, che hanno vissuto una serie di avventure, all’insegna del gioco e della riabilitazione: avvicinamento al cavallo, lavoro relazionale ed attività didattiche in fattoria che hanno lasciato il segno e convinto i promotori a programmare una nuova edizione per il 2022. Coinvolti 16 ragazzi portatori di handicap della Spes e 8 bambini di Camporosso frequentanti le primarie e secondarie di primo grado, indicati da una equipe integrata di esperti.

Il sindaco Davide Gibelli e l’assessore Fulvia Raimondo ringraziano la psicologa Sara Trimarchi per il coordinamento del progetto ed Elisa Orengo per l’ospitalità al bellissimo “The Dream Ranch” di Camporosso. Il progetto si è reso possibile anche per i finanziamenti ottenuti da Spes nell’ambito della seconda edizione del Progetto “insieme insieme si può Liguria” dgr 975/2020.

commenta