Quantcast

Ventimiglia, violenza sul lungomare. Quattro indagati per rissa aggravata

Le indagini degli agenti del commissariato di polizia hanno permesso di ricostruire l'esatta dinamica dei fatti

Ventimiglia. Violenza tra stranieri sul lungomare della città di confine, in quattro finiscono indagati per rissa aggravata. La polizia di Stato di Ventimiglia era intervenuta in forze, nella notte tra sabato e domenica, sul lungomare, per sedare una rissa scoppiata improvvisamente tra alcuni cittadini romeni. Gli agenti avevano potuto constatare che tutti i coinvolti si trovavano in stato di alterazione perché ubriachi, dopo una serata passata in un esercizio pubblico della zona.

Le segnalazioni arrivate al numero d’emergenza 112, intorno all’una di notte, avevano riferito di un violento parapiglia tra persone che si colpivano a vicenda, utilizzando anche bottiglie e frammenti di vetro. Due pattuglie della Squadra Volante del commissariato erano intervenute immediatamente con un’azione risolutiva, interrompendo la contesa ed impedendo che degenerasse ulteriormente.

Due le persone ferite e soccorse nell’immediatezza dei fatti. Si trattava, in particolare, di due fratelli residenti in altre regioni italiane, trasferitisi temporaneamente a Ventimiglia per un provvisorio impiego nel settore edilizio: per loro la prognosi di guarigione era stata di 30 giorni. Le successive indagini dell’ufficio investigativo del commissariato della polizia di Stato di Ventimiglia avevano consentito l’individuazione di alcuni testimoni e la ricostruzione della dinamica dei fatti. Pare che l’origine del diverbio ci sia siano futili motivi. Gli investigatori, nell’arco di poche ore, avevano individuato altri due partecipanti alla rissa: due cittadini romeni, residenti a Ventimiglia, con lesioni giudicate guaribili in 10 e in 12 giorni. I quattro sono risultati indagati, in stato di libertà, per rissa aggravata. Per loro è scattato anche il deferimento all’autorità giudiziaria del Tribunale di Imperia.

Nel corso delle indagini, gli agenti del commissariato avevano tenuto sotto controllo il locale pubblico in cui il litigio era sorto, considerato che tutti i protagonisti del grave episodio avevano trascorso la serata al suo interno e che la rissa si era sviluppata dopo la loro uscita dal ristorante, quando si era conclamato il loro stato di ubriachezza. Per il lungomare di Ventimiglia si è trattato del secondo episodio di violenza in poche ore. A inizio serata, proprio di quella sera, un iracheno aveva colpito il titolare del kebab. Lo straniero era stato poi arrestato dai carabinieri. Venerdì, invece, un altro uomo aveva divelto, in uno scatto immotivato d’ira, una delle panchine presenti.