Quantcast

Ventimiglia ricorda Marise Ferro, presentata la raccolta di racconti biografici “Le Romantiche” foto

La presentazione si è tenuta in occasione dell'intitolazione di una sala della Biblioteca Aprosiana alla scrittrice originaria di Ventimiglia

Ventimiglia. Le Romantiche è il titolo della raccolta di racconti biografici di Marise Ferro (Ventimiglia 1905-Sestri Levante 1991), riedita da Succedeoggi Libri, Pistoia, presentata il 10 luglio presso la Biblioteca Civica Aprosiana di piazza Bassi a Ventimiglia, dalla curatrice dell’opera, Francesca Sensini, docente dell’Université Côte d’Azur e scrittrice, e dal professore Giovanni Perotto.

Presentazione Le Romantiche

Si tratta di dodici racconti – pubblicati nel 1958 dai Fratelli Fabbri editori e oggi riproposti a cura di Francesca Sensini, che da ormai diversi anni si dedica allo studio e alla promozione di Marise Ferro, una tra le scrittrici più significative del Novecento, a torto dimenticata dopo la sua scomparsa – nello stile dell’autrice, un felicissimo mix di humor, eleganza e realismo, ma anche di impegno culturale per l’emancipazione delle donne.

Presentazione Le Romantiche

George Sand, Marceline Desbordes Valmore, Marie d’Agoult, Marie Dorval, Delphine de Girardin, Juliette Récamier, Charlotte de Hardenberg, Evelyne Hanska, Juliette Drouet, Louise Colet, Alphonsine Plessis, Emily Brontë .
Dodici donne – poetesse, attrici, saggiste, filosofe, muse ispiratrici, salonnières e cortigiane – vissute tra fine Settecento e fine Ottocento, incarnando, nei moti del sentimento, per l’inclinazione agli eccessi della passione e delle idee, le istanze del Romanticismo. Sulle sfondo delle loro vite avventurose Marise Ferro tratteggia con vivacità la Storia europea di quel tempo, che le Romantiche vissero da vere protagoniste, per poi finire ai margini della memoria collettiva, ad eccezione delle più note George Sand e Emily Brontë.

La presentazione delle Romantiche, organizzata dal Comune di Ventimiglia, si è tenuta in occasione dell’intitolazione di una sala della Biblioteca Aprosiana alla scrittrice originaria di Ventimiglia, cerimonia fortemente voluta dall’Amministrazione comunale nella creazione di un percorso culturale della memoria letteraria, attraverso i luoghi che hanno ospitato e ispirato diversi personaggi famosi, nati o transitati nella città.

Ricevuti dal vice sindaco Simone Bertolucci, hanno presenziato alla cerimonia il nipote della scrittrice, Paolo Gianferrari, figlio di Silvana Ferro, con la moglie Maria Augusta Gianferrari Capitini, la nipote Mercedes Bo, figlia del fratello di Carlo Bo, marito di Marise Ferro e il professore Davide Barella.