Quantcast

Sanremo, dal consiglio comunale l’ok a sconti Tari per attività colpite dall’emergenza Covid

Sanremo. Il consiglio comunale ha approvato sconti Tari a tutte le attività commerciali danneggiate dall’emergenza coronavirus, in arrivo sgravi fino al 48%. E’ un mini tesoretto del valore totale di 1,7 milioni di euro quello che l’amministrazione Biancheri sta per impegnare, per agevolare le utenze non domestiche che hanno subito le maggiori ripercussioni a causa dei passati lockdown.

Sgravio del 30% per gli uffici, gli studi professionali, i commercianti di beni durevoli, le edicole, gli autolavaggi, le lavanderie, le macellerie e pollerie, le pasticcerie e i gelatai, le gastronomie, i rivenditori di frutta e verdura e le pescherie.

Il 15% sarà applicato a: depositi, autorimesse, aree scoperte parcheggi a pagamento, porti privati, stabilimenti balneari, spiagge e arenili, le attività ricomprese nello specchio acqueo del porto, collegi e convitti, conventi, laboratori di analisi, tabaccherie, depositi commerciali e alimentari (cat. F.1).

Il 3,5% di sconto anche a stazioni di carburanti, caserme, ospedali e le cliniche, carceri, le banche, le farmacie, depositi di supermercati alimentari e loro depositi. Infine, Bed & Breakfast, affittacamere e case vacanze, vengono equiparati a hotel e alberghi, ricevendo la riduzione massima del 48%.

Ai fondi statali impegnati sulla rimodulazione della Tari per l’anno 2021, si aggiungono i 370 mila euro di aiuti deliberati ieri dalla giunta comunale per bonus affitti e bollette. Ancora da determinare la destinazione dei 300 mila euro che sono stati messi da parte su volontà del sindaco Biancheri e che saranno spesi per iniziative sul fronte turistico da concertare con le associazioni di categorie. Secondo le prime indiscrezioni, il “tesoretto” potrebbe tornare utile per riportare ad ottobre la tappa del campionato europeo di rally nella Città dei Fiori.