Quantcast

La XV edizione di “Terre di Confine, Perinaldo Festival” prende il via con una serata speciale dedicata ad Ezio Bosso foto

La manifestazione si presenta nel nome del rilancio culturale del territorio, della cultura, dello "slow tourism" e della sostenibilità

Perinaldo. Al via il Perinaldo Festival dal 25 luglio al primo di agosto. La manifestazione compie 15 anni e si presenta nel nome del rilancio culturale del territorio, dello “slow tourism” e della sostenibilità. Come da tradizione una programmazione particolarmente attraente per la varietà e la qualità degli artisti coinvolti.

Il Comune di Perinaldo in collaborazione con l’associazione Orchestra da Tre Soldi presenta la XV edizione del “Terre di Confine, Perinaldo Festival”. Partecipano alla rassegna anche quest’anno i comuni di Bordighera e Ospedaletti che consolidano la loro partnership e valorizzano le potenzialità offerte da turismo di prossimità, slow tourism, e bellezza “diffusa” tra costa ed entroterra.

Peppe Servillo, Rita Payes Roma, il Quartettozero di Ezio Bosso sono alcuni tra gli artisti che andranno a comporre una programmazione eterogenea e di profilo artistico internazionale. “Confine” è il tema conduttore del festival attorno al quale si snodano riflessioni sull’identità individuale in rapporto con le diversità. Quest’anno la rassegna dedica inoltre alcuni appuntamenti alla riflessione sui concetti di “sostenibilità” e “sviluppo”, la cui azione integrata è evidentemente necessaria alla sopravvivenza del genere umano.

Terre di Confine, una piattaforma di eventi culturali, presenta 18 appuntamenti – spettacoli, presentazione di novità editoriali, passeggiate naturalistiche, visite guidate- distribuiti sul territorio di Perinaldo, Bordighera, Ospedaletti. Tutti gli eventi sono contingentati per motivi di sicurezza. L’ingresso è a offerta libera con prenotazione necessaria via Whatsapp al n. 3669730066, a partire dal 19 luglio. La prenotazione via Whattsapp garantisce l’accesso agli eventi; lo stesso numero è a disposizione per informazioni, tutte le mattine dalle 10 alle 12, a partire dal 19 luglio. Nella prenotazione è necessario indicare nome e cognome di tutti i partecipanti.

La rassegna prende il via domenica 25 luglio con una serata speciale dedicata ad Ezio Bosso, artista ospite del Perinaldo Festival nelle edizioni passate. Nella splendida cornice della Piazza san Nicolò, alle 21.30, verrà proiettato un filmato realizzato con gli scatti che colgono Ezio Bosso durante le sue performance artistiche a Perinaldo. A seguire la narrazione di ricordi e testimonianze a lui dedicate da parte dei perinaldesi. L’omaggio a Ezio Bosso, da cui muove la rassegna di quest’anno, è un’anteprima del concerto di martedì 27 luglio.

Lunedì 26 luglio, ai Giardini Lowe di Bordighera, alle 21.30 Servillo – Girotto – Mangalavite in “ l’anno che verrà”, canzoni di Lucio Dalla con Peppe Servillo alla voce, Xavier Girotto al sax soprano e baritono e Natalio Mangalavite al pianoforte, tastiere e voce. Il trio dall’ormai lungo affiatamento formato da Peppe Servillo, Javier Girotto e Natalio Mangalavite non poteva scegliere titolo più consono di “L’anno che verrà”: visto quello che abbiamo passato, i tre musicisti vogliono augurarci davvero che “sarà tre volte Natale e festa tutto l’anno”, come recita la celeberrima canzone di Dalla. L’intesa tra personalità artistiche così variegate e fortemente caratterizzate si è affinata nel corso di ripetute collaborazioni, che ci hanno fatto apprezzare il loro modo di applicare l’improvvisazione, elementi jazz e ricercatezze varie alle musiche di volta in volta eseguite.

Alle 20.30, aspettando il concerto “Spazio autori”: Silvia Alborno e Carmen Ramò presentano “Il telegrafista di Margherita”. In queste pagine la figura e la vita della regina Margherita che scelse di vivere gli ultimi anni della sua vita a Bordighera. A cura della libreria Amico Libro di Bordighera

Martedì 27 luglio torniamo a Perinaldo, alle 21.30, in piazza San Nicolò, con un evento di grande rilievo “Quartetto Ø, tales of Ezio Bosso, chapter 1”. Dedicato ad Ezio Bosso, omaggio del Festival al compianto maestro e amico, che ha animato la manifestazione ai suoi esordi, tra i primi artisti ospiti, più di 10 anni fa. Il quartetto d’archi è formato dai musicisti che gli sono stati più vicini e che hanno condiviso con lui esperienze lavorative e quotidiane. Giacomo Agazzini al violino, Roberta Bua al violino, Giorgia Lenzo alla viola e Claudia Ravetto al violoncello.

Aspettando il concerto, alle 17 e alle 18 “Il poggio delle stelle, tra storia natura e astronomia”. Passeggiata attraverso il centro storico di Perinaldo a cura dell’Associazione Orbita di Sanremo. Alla scoperta della storia del borgo attraverso installazioni astronomiche e opere d’arte. Info e prenotazioni al 348 5823047.

Alle 20.30 per lo “Spazio autori” aspettando il concerto Umberto Germinale presenta “Around me…jazz” edizioni Aracne. Un’appassionata autobiografi a in musica, tra amicizie e concerti, incontri e aneddoti con il collante della fotografia. A cura della libreria Amico Libro di Bordighera.

Mercoledì 28 giornata fitta di appuntamenti dedicati ad arte scienza e benessere che alle 21.30 in Piazza San Nicolò a Perinaldo propone la conferenza spettacolo “Musica e terapia” a cura del gruppo Arcipelago, in collaborazione con APIM Genova. La musica attiva percezione e movimento, esprime emozioni, esercita la mente, crea legami sociali … Ma può in qualche modo avere effetti benefici sulla salute?

Aspettando l’evento serale, alle 10 del mattino si svolgerà la passeggiata naturalistica alla “Torre dell‘Alpicella” o “Torre dell‘astronomo”, alla ricerca dei luoghi di osservazione preferiti dall‘astronomo Giandomenico Cassini. A cura del Gruppo escursionistico perinaldese.

Alle 20 cena plastic free a cura dell’Associazione Volontari di Perinaldo e alle 20.30 in Piazza San Nicolò, per lo “Spazio autori” Ivano Ferrando e Danila Allaria presentano “In treno e a piedi, alla scoperta di Val Roja, 30 itinerari escursionistici”, edizioni Alzani. Il libro racconta la tratta Cuneo-Ventimiglia- Nizza, la “Ferrovia delle meraviglie” diventata nel 2021 “Luogo del Cuore” FAI. A cura della libreria Amico Libro di Bordighera.

Alle 23.30 conclude la giornata ricca di appuntamenti l’apertura straordinaria dell’Osservatorio Cassini di Perinaldo con osservazione guidata. A cura dell’Associazione Orbita/Osservatorio Comunale G.D. Cassini di Perinaldo. Info e prenotazioni al 348 5823047. Ingresso: 5€.

Giovedì 29 luglio alle 21.30 ad Ospedaletti, all’Auditorium Pian D’Aschè, Rita Payes i Elisabeth Roma “Como la piel” . Protagonista della serata l’artista di richiamo internazionale Rita Payés, cantante e trombonista catalana di 22 anni che ha conquistato il cuore della gente con milioni di visualizzazioni su YouTube e concerti sold out in tutta Europa. Un programma sospeso tra bossa nova e world music a tinte jazz. Tour 2021 in esclusiva per l’Italia.

Al mattino, alle 8 la passeggiata storico naturalistica organizzata dal Gruppo escursionistico perinaldese, sulla base dei percorsi proposti dalla guida “In treno e a piedi, alla scoperta di Val Roja” presentata mercoledì sera. Ritrovo e partenza Bar Au Gaggian di Perinaldo, info al 366 9730066.

Venerdì 30 luglio alle 21.30 a Perinaldo in piazza San Nicolò, Faber Teater “Cambiare il clima”, conferenza spettacolo alla scoperta delle sfide al cambiamento climatico. A cura di Faber Teater, in collaborazione con DIATI (Dipartimento di ingegneria dell’ambiente, del territorio e delle infrastrutture del Politecnico di Torino) per BiennaleTecnologia 2020.

Alle 20.30, aspettando il concerto, per lo “Spazio autori” Michele Croese presenta “Due sonate per Nannerl”, edizioni Da Vinci. Alcuni frammenti giovanili di W. A. Mozart in una ricostruzione proposta dal curatore.

Sabato 31 luglio alle 20 a Perinaldo Festa della Musica-Musica non stop dalle 20 jazz, rock, classica nel borgo antico. Alle 20 cena plastic free a cura dell’associazione volontari di Perinaldo.

Domenica 1 agosto alle 11 a Perinaldo in piazza San Nicolò Orchestra del Perinaldo Festival “Photosynthesis”, suite per archi, xilofoni e vegetalpercussions di Davide Sanson. Direttore Marco Giovinazzo Regia e drammaturgia Paola Corti. Photosynthesis, per orchestra d’archi e percussioni “naturali”: legno, bamboo, frasche e rami percossi e scossi in forma classica. Non un semplice omaggio alla natura ma un vero esempio di nuova vita consegnata ai vegetali attraverso i suoni.

Il Festival è stato realizzato con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo (Maggior sostenitore) nell’ambito dell’edizione 2021 del bando “VIVA. Sostegno all’offerta culturale estiva nei territori ”; il bando si inserisce nell’ambito dell’impegno che la Fondazione profonde per accrescere l’attrattività dei territori attraverso la cultura e in specifico con la valorizzazione dei beni culturali sul territorio piemontese, ligure e valdostano.
L’iniziativa è promossa dal Comune di Perinaldo e vede il coinvolgimento dei comuni di Ospedaletti e Bordighera. La direzione artistica del Perinaldo Festival è affidata a Massimiliano Gilli e Paola Secci.

La locandina