Quantcast

Imperia, solleciti di pagamento da Amat. Gli utenti: «Ma noi quelle bollette le abbiamo già pagate»

Tramite una società di recupero crediti. Tante persone, soprattutto anziani non trovano più la ricevuta

Più informazioni su

Imperia. Nel capoluogo arrivano solleciti di pagamenti di bollette dell’acqua già pagate: il disguido è dovuto al tentativo di Amat, società in liquidazione dopo il passaggio del ramo idrico a Rivieracqua, di recuperare vecchi bollettini non pagati attraverso una società milanese specializzata nella gestione e nel recupero crediti.

«Tante persone, soprattutto anziani, non trovano più la ricevuta – si sfoga un utente che ha seguito la pratica per conto della madrepossibile che non riescano a verificare che le somme sono state incassate? Non si può minacciare la gente in questo modo».

Il problema è che l’azienda incaricata, anziché raggiungere solo i morosi sta, evidentemente, scrivendo a tutti reclamando anche bollette già pagate.

«Inizialmente -sottolinea l’utente –  non veniva neanche accettato l’invio della ricevuta di pagamento. Consigliavano di pagare comunque e poi fare ricorso. Ora hanno un po’ ammorbidito la linea e hanno accettano l’invio della ricevuta pagata. Inutile dire che i più danneggiati da questa condotta scorretta sono gli anziani poiché tanti, incapaci di fronteggiare la situazione scelgono di ripagare».

, .

Più informazioni su