Quantcast

Il 58° Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo apre con il quintetto d’archi dei Berliner Philharmoniker

Il borgo si prepara a ospitare dal 16 luglio al 27 agosto tredici serate e diciotto concerti, accompagnati da una serie di iniziative collaterali che permetteranno di scoprirne gli angoli segreti

Più informazioni su

Cervo. Il 58° Festival Internazionale di Musica da Camera alza il sipario venerdì 16 luglio. Via al cartellone 2021 con il quintetto d’archi dei Berliner Philharmoniker, che torna sulla magica piazza dei Corallini per il concerto inaugurale del Festival 2021, in collaborazione con la Società dei concerti di La Spezia e il Comune di Canelli.

Sulla magica piazza dei Corallini, in doppia replica alle 20.30 e alle 22.30, una formazione cameristica nata da una delle più prestigiose istituzioni concertistiche al mondo e che costituisce un unicum atipico per la scelta dei componenti. Il Quintetto d’archi dei Berliner Philharmoniker è composto infatti da due violini, una viola, un violoncello un contrabbasso, e riesce dunque a rappresentare tutte le sezioni di strumenti a corda dell’orchestra, raggiungendo una particolare profondità nell’esecuzione.

La stampa internazionale ha scritto di loro: «Una meraviglia assoluta, dalla prima all’ultima nota… un trionfo» (Cambridge News); «Ci si chiede come mai questa formazione si possa ascoltare solo così di rado» (Sueddeutsche Zeitung); «Una sinfonica ricchezza di suoni» (Wiesbadener Zeitung). L’ensemble riesce a fondere le sonorità calde degli archi con il virtuosismo dei singoli musicisti e porterà nella magia del palcoscenico di Cervo musiche di A. Dvořák, J. Lanner, G. Bottesini, G. Verdi/K. Doppler.

Il Quintetto di Archi dei Berliner Philharmoniker è nato dalla lunga collaborazione tra Wolfgang Talirz e Romano Tommasini con la violoncellista russa Tatjana Vassiljeva. L’ensemble comprende quattro musicisti dell’Orchestra dei Berliner Philarmoniker, oltre alla violoncellista Tatjana Vassiljeva, oggi primo violoncello dell’orchestra sinfonica del Concertgebow di Amsterdam. Il primo concerto risale al 2007, in Belgio. Da allora, in poco tempo, l’ensemble ha trovato un larghissimo consenso di pubblico esibendosi tra Europa e Giappone.

Il Festival di Cervo si svolge dal oltre cinquant’anni sul Sagrato dei Corallini. Il borgo si prepara a ospitare dal 16 luglio al 27 agosto tredici serate e diciotto concerti, accompagnati da una serie di iniziative collaterali che permetteranno di scoprirne gli angoli segreti. Gli spettacoli del Festival si terranno sulla Piazza dei Corallini, a eccezione di quelli che vedranno protagonista il 1° agosto il Coro G diretto da Carlo Pavese, che si svolgerà nella Chiesa di San Giovanni Battista e il trio violino, violoncello e pianoforte formato da Marco Norzi, Luca Magariello e Cecilia Novarino che verrà ospitato domenica 22 agosto all’Oratorio di Santa Caterina. Per il secondo anno successivo la platea sarà ridotta a causa delle misure legate all’emergenza sanitaria ma, garantendo la piena sicurezza per tutti, alcune serate del Festival avranno una doppia replica a orario distanziato, così da permettere l’afflusso di un pubblico più ampio.

Più informazioni su