Quantcast

Gilberto Salmoni cittadino onorario di Bordighera, la cerimonia a fine settembre

Verrà convocato consiglio comunale ad hoc al PalaParco. Sindaco Ingenito: «Vorrei che partecipassero le scuole»

Bordighera. Un consiglio comunale ad hoc, convocato nell’ultima settimana di settembre, per consentire alle scolaresche di parteciparvi: è quanto deciso dall’amministrazione comunale per insignire della cittadinanza onoraria di Bordighera il testimone della Shoah Gilberto Salmoni, 93 anni.

«Insieme a Salmoni, che ho sentito in settimana – dichiara il sindaco Vittorio Ingenito – Abbiamo deciso che vista l’importanza dell’evento, il consiglio comunale dovrà essere convocato nell’ultima settimana di settembre per dar modo agli studenti di Bordighera, ed in particolare a chi si quest’anno si è distinto nelle ricerche sull’olocausto, di partecipare alla seduta».

L’idea del sindaco, in particolare, è quella di chiedere la possibilità di convocare l’assise, che tradizionalmente si svolge nella Sala Rossa, nella sala del teatro del Palazzo del Parco: «In questo modo – spiega – Potranno partecipare più persone».

A decidere di insignire Salmoni della cittadinanza onoraria era stato, lo scorso 24 giugno, il consiglio comunale di Bordighera che aveva votato all’unanimità in modo favorevole la mozione sul tema presentata dai consiglieri di minoranza Mara Lorenzi, Giuseppe Trucchi, Massimiliano Bassi e Giovanni Ramoino.

«Salmoni ha speso la propria vita per testimoniare la tragedia delle persecuzioni razziali e dell’Olocausto, e ha incluso Bordighera nelle sue attività di testimonianza», avevano spiegato, nell’occasione, i gruppi consiliari Civicamente Bordighera, Semplicemente Bordighera, e Gruppo Misto.

Deportato in giovanissima età, Salmoni ormai da anni è un instancabile testimone della Shoah: «È un onore poter attribuire questo riconoscimento ad una personalità di così alta statura storica e morale», aveva dichiarato il sindaco Vittorio Ingenito.