Quantcast

Emergenza Migranti, Di Muro chiede Cpr a Ventimiglia. Sindaco Scullino: «Lieto della proposta»

Il primo cittadino attende un confronto con le forze di maggioranza

Ventimiglia. «Sono lieto che l’onorevole Di Muro e quindi la Lega di Ventimiglia abbiamo una proposta per contrastare la ormai insostenibile situazione che il fenomeno migratorio senza controllo provoca alla nostra città. Non siamo mai stati conto l’accogliere bambini, donne e rifugiati o richiedenti asilo politico. I cittadini di Ventimiglia non sopportano più gli ubriachi, le risse e il bivaccare in luogo pubblico, ormai si ha paura ad uscire di casa alla sera. Se la proposta è quella di creare un Centro di permanenza per i rimpatri (CPR), sono d’accordo ma deve essere questo e non un centro che si trasformi in albergo a convenienza, dove lo straniero entra ed esce quando vuole. Nel caso in cui un cittadino straniero sia arrivato irregolarmente, verrà trattenuto nel Centro di permanenza per il rimpatrio (Cpr)».

Lo ha detto il sindaco Gaetano Scullino in risposta alle dichiarazioni del deputato ventimigliese della Lega Flavio Di Muro, che ha anticipato la volontà di chiedere al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese la realizzazione di un Cpr (centro di permanenza per il rimpatrio) a Ventimiglia.

«Voglio sentire gli altri partiti della coalizione e avere garanzie dal Ministero dell’Interno – conclude il sindaco – Prima di esprimere il mio definitivo benestare. Se è così, poi, dovremo scegliere un luogo lontano dai centri abitati e più vicino possibile alla frontiera, per accogliere prima i respingimenti della Francia. Vedremo».