Quantcast

Coronavirus, presidente Toti: «Chi non si vaccina non può costringere i vaccinati al lockdown» foto

Nel frattempo continuano in tutta la Liguria le open night per sottoporsi alla prima dose di vaccino (Pfizer o Moderna) o anticipare la seconda dose

Genova. Le polemiche, gli insulti e le minacce di morte ricevute non fermano il presidente di Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti, che attraverso i propri canali social diffonde un messaggio chiaro ed univoco: per fermare la pandemia da Covid-19 è necessario vaccinarsi. E se il confronto Stato-Regioni non ha ancora portato a nulla di certo sull’utilizzo o meno del green pass, il governatore ligure ha le idee chiare: «La mia libertà di non vaccinarmi non può costringere un vaccinato a tornare ai tempi cupi del lockdown», scrive sulla propria pagina Facebook.

Nel frattempo continuano in tutta la Liguria le open night per sottoporsi alla prima dose di vaccino (Pfizer o Moderna) o anticipare la seconda dose. «I cittadini hanno aderito numerosi alla nostra chiamata a vaccinarsi – dichiara sempre Toti – Direi che è la migliore risposta agli insulti ricevuti e ringrazio tutti voi per la gradita solidarietà e vicinanza».

dati covid

Iniziate ieri, le open night andranno avanti anche oggi e domani, e se ne stanno programmando altre per le prossime settimane. «Ogni occasione deve essere buona per vaccinarsi – conclude il presidente – I dati sulla variante Delta ci dicono di fare in fretta, solo con i vaccini possiamo fermarla. È il momento dell’unione non della divisione. Grazie a chi sta lavorando per noi in prima linea in questa battaglia e a chi ha scelto la libertà, quella di vaccinarsi».