Quantcast

Seborga, la scuola steineriana e il laboratorio dei bambini in visita alla fattoria didattica dei Monaci Templari foto

I bambini hanno seguito un percorso multisensoriale degli olivi conoscendo e imparando a rispettare gli animali

Seborga. Un bellissimo pomeriggio quello trascorso presso la fattoria didattica dai bambini della scuola Steineriana e il laboratorio dei bambini di Seborga portato avanti da Romina Fanari, Gabriella ed altre mamme. Un pomeriggio dove i bambini hanno seguito un percorso multisensoriale degli olivi, e, in gran parte la conoscenza e il rispetto degli animali di campagna, dall’oca alle pecore, dai conigli sino alla ricerca di “Polpetta” nel bosco.

«Polpetta è un maialino, a cui la fattoria didattica ha dato il nome alcuni anni fa, cresciuto in fattoria giocando con le pecore e difendendo spesso la notte l’agnello dalla volpe. Pochi giorni fa, sentendo costantemente il belare delle pecore, ha deciso di inoltrarsi nel boschetto soprastante con i suoi 150 chili, è stato così deciso, per la sua libertà e le sue preferenze, di creare una recinzione nel boschetto ma lasciandogli molta libertà di movimento. Così i bambini ogni volta andranno a cercare Polpetta con un pezzo di pane (di cui lui è goloso) e faranno con lui amicizia. Una piccola avventura nella natura incontaminata conoscendo e imparando a rispettare gli animali. Nella speranza che possano continuare a risiedere a Seborga, i bambini della scuola steineriana sono un momento di gioia e allegria, e uniti ai bambini residenti in Seborga attraverso il laboratorio dei bambini condotto da Romina, potranno realizzare importanti momenti di gioco e unione» – fanno sapere la scuola steineriana e il laboratorio dei bambini.

I bambini di Seborga, insieme a Romina e le altre mamme, stanno pitturando, grazie alla famosa pittrice Linda McCluskey, un meraviglioso quadro gigante di “benvenuti nel Principato” rappresentante i bambini residenti a Seborga, dove i turisti ma soprattutto altri bambini potranno fotografarsi nello spazio vuoto del volto all’interno del grande quadro.