Quantcast

Regione Liguria lancia il concorso fotografico “Lavoro nel bosco” per le scuole della provincia di Imperia

Il contest è aperto sino al 10 ottobre 2021: ogni classe può inviare fino a un massimo di 5 fotografie in formato digitale

Imperia. Regione Liguria lancia il concorso fotografico “Lavoro nel bosco” per le scuole imperiesi.

In cosa consiste il lavoro forestale? Quali benefici comporta per la comunità? A questi e molti altri interrogativi risponde il concorso fotografico intitolato “Lavoro nel bosco” per le scuole primarie e secondarie in provincia di Imperia, organizzato da Regione Liguria nell’ambito del progetto europeo Evoforest (Programma Interreg Alcotra 2014-2020). Il contest è aperto sino al 10 ottobre 2021: ogni classe può inviare fino a un massimo di 5 fotografie in formato digitale (tutte le informazioni e iscrizioni all’indirizzo e-mail evoforest.liguria@gmail.com).

«L’obiettivo di questo concorso ad accesso gratuito – l’assessore regionale all’Agricoltura, Sviluppo dell’Entroterra e Promozione Territoriale Alessandro Piana è quello di stimolare la consapevolezza dell’importanza delle aree boschive in Liguria e del lavoro di chi vi opera quotidianamente per la creazione di nuove risorse, di prodotti agroalimentari e della salvaguardia ambientale oltre che come luogo d’elezione per il turismo slow e le attività outdoor. La premiazione avverrà il 27 ottobre, in occasione dell’evento di lancio del progetto Evoforest».

«Portare con un contest fotografico nelle scuole la cultura del lavoro applicato alle aree boschive – sottolinea l’assessore all’Istruzione di Regione Liguria Ilaria Cavoha un doppio valore. Da una parte stimola bambini e ragazzi al rispetto dell’ambiente, dall’altra li spinge a vedere lo stesso ambiente come una risorsa e un’opportunità professionale. Ecco dunque coniugarsi l’aspetto culturale con quello formativo».

Questo progetto vede un partenariato composto da Regione Liguria (capofila), Regione Piemonte, Regione Autonoma Valle d’Aosta per l’Italia, Centro Forestale della Provenza – Costa Azzurra, Centro di Formazione professionale de La Motte Servolex, il Liceo Agricolo di Poisy (ISETA) ed il Pole di Excellence Bois della Savoia per la parte francese. È partito a gennaio 2021 e durerà fino al gennaio 2023, per un impegno economico di circa 1.200.000 euro di cui oltre 250.000 euro per la sola Liguria. «Le risorse – conclude l’assessore Alessandro Piana saranno impiegate soprattutto per la realizzazione di corsi per gli operatori professionali, per la promozione e il sostegno delle imprese e dei giovani».