Quantcast

Giornate europee dell’archeologia, a Ventimiglia apertura straordinaria dell’area di Porta Marina foto

La visita guidata è stato condotta da Stefano Costa, archeologo della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le Province di Imperia e Savona

Ventimiglia. Nell’ambito delle Giornate europee dell’archeologia, in programma dal 17 al 20 giugno, questo pomeriggio alle 16 si è tenuta l’apertura straordinaria dell’area archeologia di Porta Marina, il cui accesso avviene da vico del Pino.

La visita guidata è stato condotta da Stefano Costa, archeologo della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le Province di Imperia e Savona.

L’area archeologica della porta marina di Albintimilum è stata individuata per la prima volta nell’anno 1884. Girolamo Rossi riporta il ritrovamento della porta che si affacciava sul mare lungo il circuito delle mura. Gli scavi effettuati dalla Soprintendenza dal 1994 al 2008 hanno permesso di riportare alla luce un tratto delle mura e diversi edifici che si trovavano all’interno. Quelli più antichi e più vicini a Vico del Pino fanno parte del complesso termale.

Quando le terme furono abbandonate nel V secolo d.C. vennero costruiti nuovi edifici che rimasero in uso per tutto il periodo tardoantico, fino all’abbandono della città all’inizio dell’alto Medioevo. Si tratta di edifici che vediamo solo in parte, ma certamente importanti perché si trovano lungo una delle strade principali della città, il cardo maximus, che la percorreva in direzione nord-sud. Ancche un breve tratto della strada è stato individuato. Tra i reperti notevoli vi sono due laterizi decorati.