Quantcast

Da Sanremo a Pavia, il Giro d’Italia sui rulli di Gianandrea Dominici

Disputato durante il lockdown del 2020 è diventato un libro

Sanremo. «Il 21 marzo 2020 l’Italia era appena sprofondata nel buio periodo della quarantena e, proprio in quel giorno, si sarebbe dovuta svolgere la classicissima e attesissima Milano-Sanremo. D’istinto e per reazione emotiva all’annullamento di un evento sino ad allora mai sospeso dal periodo della Seconda guerra mondiale mi sono portato in terrazzo e ho cominciato a pedalare sui rulli, immaginandomi di correrla (effettivamente, nel 2008, ho preso parte alla trentottesima edizione della Gran Fondo Internazionale.  In seguito, ho pensato di “volare più alto” ed ecco che mi venuta l’idea di aggiungere altre tappe dando vita, così, a un intero Giro d’Italia».

gianandrea dominici collage

Gianandrea Dominici, imperiese doc emigrato a Pavia, dove svolge l’attività (di nome e di fatto) di “biciclettaio” ci racconta in collegamento streaming il suo personalissimo Giro d’Italia sui rulli, disputato durante il lockdown del 2020.

L’esperienza realizzata per beneficenza a favore del Policlinico San Matteo di Pavia, un anno dopo è diventata un libro. E non poteva essere altrimenti visto il mestiere storico della famiglia Dominici di Imperia, quello degli stampatori ed editori.

Dominici che si è avvalso della collaborazione della moglie e della mamma Antonella, tiene a ringraziare, tra gli altri, Dario Ghiglione del Resort Villa Giada di Imperia che ha contribuito con un tot di versamento a kilometro alla raccolta dei fondi.