Quantcast

Concorso internazionale di equitazione, alla svizzera Simone Buhofer il Gran Premio di Sanremo

Con una sontuosa cavalcata in sella a Flying Girl

Sanremo. La svizzera Simone Buhofer, con una sontuosa cavalcata, si è aggiudicata il Gran Premio (25.500 euro, ostacoli di 145 centimetri) del Concorso internazionale di equitazione a Sanremo.

Una gara palpitante che si è risolta sul filo dei centesimi di secondo. Infatti la Buhofer, in sella a Flying Girl, superata la prima fase, ha chiuso la seconda in 43″53 precedendo l’argentino Matias Alvaro che ha concluso in 43″68. Terza la milanese Sofia Rinaldi. Poi il tedesco Maximilian Schmid, un altro lombardo, Matteo Checchi, lo spagnolo Manuel Pinto, il sardo Gabriele Bresciani, la svedese Helena Lundback. Nono e decimo posto appannaggio degli svizzeri Barbara Schneiper e Roland Grimm. Ventotto i partenti.

Simone Buhofer, 25 anni, allieva di Markus Fuchs (5 Olimpiadi in carriera), è da poche settimane alla Scuderia al Piano di Giubiasco (Bellinzona) di Sabrina e Fabio Trotta. «Questa – spiega – è la mia prima vittoria in un internazionale. Vado a cavallo da quando avevo nove anni. Oltre all’equitazione amo la musica, tutta». Simone canta anche, al karaoke, e gioca a biliardo. A guardare il suo score si vede che Sanremo (e pure l’Italia) le porta decisamente fortuna. Infatti dal 2018 a oggi i piazzamenti nei primi otto, 10 in tutto, li ha ottenuti a Busto Arsizio (quattro) e a Sanremo gli altri dove nel 2019 aveva chiuso con due secondi e un terzo posto.

In questa tre giorni, fra i locali da segnalare, due vittorie di Felipe Nagata Coutinho Mendonca, cavaliere di punta della Società Ippica Sanremo, e un secondo posto in C135. Un successo per Veronica Santaiti, del Centro Equestre Val Nervia, in C115. Fra i più giovani, nel nazionale, nella 100 Under 18, vittoria della sanremese Vittoria Saluzzo Madafferi. Alle premiazioni è intervenuto l’assessore regionale al Turismo Gianni Berrino.

«Da parte nostra – osserva la presidente della Società Ippica Sanremo Maria Grazia Valenzano Menada siamo soddisfatti per ciò che abbiamo fatto e del riscontro avuto presso i concorrenti. Molto contenti anche per gli ottimi e i buoni risultati dei nostri tesserati. Siamo invece dispiaciuti per gli enormi disagi avuti da cavalieri e appassionati di Piemonte e Lombardia che, per raggiungerci, hanno dovuto fare molti chilometri di coda per i molti cantieri in autostrada. Un danno per il turismo». E, a proposito di turismo, sono molti i concorrenti che, in campo la scorsa settimana, lo sono stati anche in questo week end e si sono fermati per dieci giorni a Sanremo. Nei tre giorni di concorso sono scesi in campo cavalieri e amazzoni di 16 nazioni: Argentina, Francia, Svezia, Svizzera, Olanda, Belgio, Lussemburgo, Liechtenstein, Spagna, Monaco, Israele, Brasile, Polonia, Danimarca, Stati Uniti ed, ovviamente, Italia.